facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Funny Face (2020): al TFF38 il nuovo film di Tim Sutton, regista di Dark Night

01/12/2020 20:03

Marco Filipazzi

Recensione Film, Festival, Torino Film Festival, Film Drammatico, #TFF38, Film USA, Tim Sutton,

Funny Face (2020): al TFF38 il nuovo film di Tim Sutton, regista di Dark Night

Tim Sutton ritorna a sfiorare il tema “supereroistico” con Funny Face

Tim Sutton si è imposto all’attenzione del pubblico (di nicchia, coloro che vanno in cerca di film marginali e indie) con quella controversa bomba di Dark Night. Era il 2016 e il cineasta si cimentava nel suo terzo lungometraggio, raccontando in modo rarefatto la strage avvenuta in un cinema di Aurora, in Colorado, la notte tra il 19 e il 20 Luglio 2012, durante la proiezione di The Dark Knight Rises. 4 anni e un film più tardi, Sutton ritorna a sfiorare il tema “supereroistico” con Funny Face, presentato prima alla Berlinale e poi al 38esimo Torino Film Festival. 

Superfluo sottolinearlo, ma con il termine supereroistico non si intende un cinecomics in stile Marvel: anzi, forse non esiste nulla di più lontano del cinema di Sutton. Eppure il regista riesce a distillarne alcune tematiche, rielaborandole in chiave molto personale. Se Dark Night traeva molta della sua linfa dai fatti di cronaca a cui si ispirava (il film proiettato in sala non viene mai citato esplicitamente, eppure è dichiarato sin dal gioco di parole dal titolo, in cui la differenza la fa una K) e in parte era una specie di “storia d’origine” dei villain che fanno irruzione in sala aprendo il fuoco sugli spettatori, Funny Face si muove nella direzione opposta.

cover-mobile-38tff-2-2-1606847169.jpg

Parla di maschere e del labile confine, sempre più sottile, che separa il bene dal male. Sutton riflette su tre tipi differenti di maschere e ognuna viene declinata su uno dei personaggi.

C’è Zama (Dela Meskienyar), una ragazza musulmana orfana che vorrebbe vivere secondo il modello occidentale, ma che si scontra con la volontà degli zii conservatori che la costringono a indossare l’hijab. Il velo che le lascia scoperti solo gli occhi è la sua maschera, qualcosa che la isola dal mondo esterno e al contempo la protegge.

C’è Saul (Cosmo Jarvis) ragazzo che ribolle di rabbia e frustrazione verso un’ingiustizia sociale contro la quale non può nulla (la speculazione edilizia, che lo ha sfrattato da casa per trasformare il suo quartiere in un parcheggio), che trova per caso una maschera a terra e decide d’indossarla.

funny-face-2020-tim-sutton-1606847261.jpg

È la Funny Face del titolo, un volto ghignante in cui si mischiano suggestioni visive e ideologiche, dall’anarchia del Joker (in molti hanno visto parallelismi con il film di Todd Phillips, bah) a rimandi a temi come giustizia e libertà del Guy Fawkes di V per Vendetta sino alla furia omicida de La notte del giudizio«Perché indossi quella maschera?» chiede a un certo punto Zama. «Non lo so, forse vorrei essere un supereroe. Forse. Non lo so». 

I due si muovono in una New York periferica, quasi spopolata (ci troviamo nella Coney Island de I guerrieri della notte), in cui da perfetti sconosciuti incontratosi per caso, iniziano a costruire un rapporto di reciproca fiducia. Gli emarginati che si alleano, i diversi che uniscono le forze per sopravvivere, insomma una cosa che fa molto X-Men se vogliamo tornare al parallelismo supereroistico. Infine c’è il villain, una sorta di demiurgo malvaglio che incombe sulla periferia e che trova la sua incarnazione in uno spietato uomo d’affari il cui nome non viene mai dichiarato e ha il volto di Jonny Lee Miller, il Sick Boy di Trainspotting. Lui indossa una maschera arrabbiata con il mondo intero, dietro cui si nasconde un pozzo senza fine di avidità, smania di potere e amore inestimabile per il Dio Denaro.

 

Ancora una volta Tim Sutton confeziona un film dall’atmosfera rarefatta e dai dialoghi scarni, ma pregno di spunti di riflessione interessanti che ci mettono faccia a faccia con la nostra realtà, costringendoci a riflettere sul mondo che ci circoda.


schermata2020-12-01alle19-27-18-1606847550.png

Genere: drammatico

Titolo originale: Funny Face

Paese, Anno: USA, 2020

Regia: Tim Sutton

Sceneggiatura: Tim Sutton

Fotografia: Lucas Gath

Interpreti: Cosmo Jarvis, Dela Meskienyar, Jeremy Bobb, Jonny Lee Miller, Victor Garber

Durata: 95'

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder