facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero
Sisbianco
Sisbianco

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

A Quiet Place - Parte II (2021), la recensione del sequel dell'horror di John Krasinski

19/07/2021 12:00

Marco Filipazzi

Recensione Film, Film Horror, Film USA, John Krasinski, Emily Blunt, Cillian Murphy, A Quiet Place,

A Quiet Place - Parte II (2021), la recensione del sequel dell'horror di John Krasinski

A Quiet Place - Parte II esce tre anni dopo il primo capitolo e setta il mood giusto nella sequenza iniziale

Uscito nel 2018, A Quiet Place ha colto un pò tutti alla sprovvista. Un film horror ben scritto, ben girato, ma soprattutto teso... anzi tesissimo. Si dice che gli horror che funzionano meglio siano quelli che vanno per sottrazione, riducono tutto all’osso, scarnificano il superfluo sino a lasciare sullo schermo solo il minimo indispensabile. Ecco, A Quiet Place faceva proprio questo.

 

Per intenderci, il suo asso pigliatutto erano i lunghissimi silenzi e le inquadrature statiche in cui i personaggi dovevano solo stare immobili preoccupandosi di non emettere alcun tipo di suono, altrimenti deformi creature aliene dall’udito ipersensibile sarebbero piombate loro addosso, facendoli a pezzi. Tutti i sentimenti - il dolore, la rabbia, la tensione - insieme a un chiodo conficcato nel piede e al pianto di un neonato, vengono ovattati in nome del silenzio, che era (ed è ancora) sinonimo di sopravvivenza.

a-quiet-place-2-recensione4-1626719194.jpg

Al centro della storia vi è una famiglia comune: padre (John Krasinski, anche regista e bramoso di scrollarsi di dosso il suo passato da comico), madre (Emily Blunt, moglie di Krasinski anche furori dal set) e tre figli (di cui una sordomuta) si trovano a dover tirare avanti come meglio possono, crescendo un neonato in un mondo in cui non può emettere nemmeno il minimo vagito.

 

Il primo film era una sorta di home invasion dove la famiglia felice doveva salvarsi la pelle dagli alieni: nulla di originale eppure quello che faceva... lo faceva benissimo! A Quiet Place diventa un successo di critica e pubblico. Il sequel è inevitabile.

a-quiet-place-2-recensione5-1626719499.jpg

Ma il problema del sequel di un film del genere, si sa, è che potrebbe inciampare da un momento all’altro, cadere rovinosamente di faccia e fare un gran casino attirando gli alieni dall’udito sottile. A Quiet Place - Parte II esce tre anni dopo il primo capitolo (anche a causa della pandemia) e setta il mood giusto nella sequenza iniziale.

a-quiet-place-2-recensione6-1626719205.jpg

Un flashback che ci mostra come tutto è iniziato, partendo da una semplice partita di baseball tra ragazzi e facendo sprofondare la placida tranquillità della suburbia americana in panico e isteria di massa.

La sequenza action che dà avvio al film è davvero magistrale: sarà un caso che a produrre è la Platinum Dunes di Michael Bay?

 

Poi torniamo al “presente”, più o meno nel punto dove il primo film finiva, e alla figura del padre John Krasinski viene sostituita quella di Cillian Murphy (attore più o meno sprecato per questo ruolo, ma sono punti di vista) che recita la parte di quello all’apparenza burbero ma con un cuore d’oro e disposto ad aiutare il prossimo.

a-quiet-place-2-recensione1-1626719213.jpeg

Nell’ora e mezza successiva succedono molte cose, tra sequenze tese e notevoli, ma di fatto il film è come se fosse incastrato in una spirale. I personaggi non progrediscono mai e non c’è un’evoluzione; A Quiet Place II è una sorta di road movie abbozzato e claudicante, che si trascina verso un finale monco.

Una volta che i totoli di coda iniziano a scorrere, non c’è la sensazione appagante che riusciva a lasciare il primo capitolo. E questo perché sappiamo che in qulache modo A Quiet Place II è solo una tappa intermedia, il secondo atto (un pò troppo lungo e rindondante) di una storia che sta prendendo un respiro più ampio. Un passaggio obbligatorio che conduce lo spettatore da un ottimo primo capitolo all'inevitabile conclusione di questa trilogia.

A Quiet Place II è un film transitorio e confezionato benissimo, ma la storia è messa insieme alla rinfusa e reclama a gran voce altro minutaggio per poter essere conclusa. Anzi peggio: per poter avere senso. La speranza è, ovviamente, che la saga si chiuda in tre atti e che non venga portata avanti sino allo sfinimento, come sempre più spesso accade in nome dei franchise.


a-quiet-place-2-recensione7-1626719793.jpg

Genere: horror

Titolo originale: A Quiet Place, Part II

Paese, Anno: USA, 2021

Regia: John Krasinski

Soggetto: Scott Beck, Bryan Woods 

Sceneggiatura: John Krasinski

Fotografia: Polly Morgan

Montaggio: Michael P. Shawver

Intepreti: Emily Blunt, Cillian Murphy, Djimon Hounsou, Noah Jupe, Millicent Simmonds, Wayne Duvall, Lauren-Ashley Cristiano, Okieriete Onaodowan, Blake DeLong, John Krasinski, Zachary Golinger

Musiche: Marco Beltrami

Produzione: Platinum Dunes

Distribuzione: Eagle Pictures

Durata: 97 min


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

Drive-in

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder