facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero

SilenzioinSala.com
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTERTER

Padre, Otac (2020), la recensione: al TSFF32 il film di Srdan Golubovic ispirato a una storia vera

29/01/2021 17:29

Cristiano Salmaso

Recensione Film, Festival, Trieste Film Festival, Film Drammatico, Film Francia, Film Germania, Film Serbia, #TSFF32, Film Bosnia, Srdan Golubović,

Padre, Otac (2020), la recensione: al TSFF32 il film di Srdan Golubovic ispirato a una storia vera

Un uomo percorre a piedi 300 chilometri per raggiungere Belgrado e protestare al Ministero.

Come sempre più spesso accade, anche Padre (Otac) del serbo Srdan Golubović è ispirato a fatti di cronaca: un uomo percorre a piedi 300 chilometri per raggiungere Belgrado e protestare al Ministero.

schermata2021-01-22alle18-51-30-1611337902.png

 

Dopo essere stato licenziato senza liquidazione, gli assistenti sociali gli hanno infatti tolto la custodia dei figli, con l'accusa di non essere in grado di provvedere loro.

Perchè, come dirà qualcuno nel film, «La povertà è una forma di violenza verso i bambini». Bambini che compaiono nel prologo insieme alla madre, che si dà fuoco davanti a loro e agli ex colleghi del marito (che le salvano la vita); poi si vedranno solo brevemente e di sfuggita, come la moglie stessa: è uno soltanto il protagonista, quel “padre” del titolo.

Il film racconta così il viaggio di Nikola, partito a piedi senza nulla più di una coperta nello zaino e una delle tante bottiglie di plastica che riempivano la sua casa: cinque giorni per percorrere 300 chilometri, attraverso un paesaggio spoglio, freddo e inospitale, che lo porterà a Belgrado.

trieste-film-festival-2021-father-otac-1024x512-1611940124.jpg

Ispirato, come ha dichiarato il regista stesso, da Sentieri nel ghiaccio di Werner Herzog, Otac è infatti una delle possibilità di quel resoconto (che peraltro ha già, come tutte le pagine di Herzog, una sua potenza tutta cinematografica). E la fedeltà a quel testo non risiede solo nella identificazione negli ambienti, ma anche nello spirito che lo animava: quello di un viaggiatore solitario, accompagnato solo dalla propria incrollabile motivazione.

Tanto che le poche figure umane incontrate lungo il percorso (nella stanza di un ospedale, a una stazione di benzina, nell'abitacolo di un camion), non stabiliscono mai un vero contatto. Non più di quello che avviene con un cane, che passa la notte al suo fianco e che si troverà a dover seppellire il mattino dopo.

Otac è una sorta di road movie della paternità, dove la strada è quella vera, battuta dai più afflitti: è La strada di Jack London, non quella di Jack Kerouac.

Un film duro e desolato sulla miseria più nera, quella che si porta via tutto: inevitabile non ritrovare, nella figura di Nikola, la stessa rabbia muta che animava certi personaggi di Ken Loach. Ma oltre il film di denuncia, che è comunque uno dei suoi risvolti, è negli umori di Senza tetto né legge di Agnès Varda che ci si ritrova molto.

Qui c'è forse qualche momento di eccessiva caricatura: il responsabile delle adozioni, corrotto e malvagio oltre misura; e il cinismo dei media, nell'assistente del ministro (che chiede un selfie per Twitter) e nella giornalista (che cerca l'inquadratura più commovente). Ma i dieci minuti conclusivi del film (perfetti), ritornano al rigore che lo ha caratterizzato. Dolorosamente bello.


schermata2021-01-29alle18-09-10-1611940160.png

Genere: drammatico

Titolo originale: Otac

Paese, Anno: Serbia, Francia, Germania, Croazia, Slovenia, Bosnia ed Erzegovina, 2020

Regia: Srdan Golubović

Sceneggiatura: Srdan Golubović, Ognjen Sviličić

Fotografia: Aleksandar Ilić

Montaggio: Petar Marković

Interpreti: Goran Bogdan, Boris Isaković, Nada Šargin, Milica Janevski, Muharem Hamzić, Ajla Šantić, Vahid Džanković, Milan Marić, Jovo Maksić

Produzione: Film House Baš Čelik, A.S.A.P. Films, Neue Mediopolis Filmproduktion, Vertigo, Propeler Film

Distribuzione: The Match Factory

Durata: 120'


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder