facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
ASCOLTAILPODCASTLEPARTINOIOSETAGLIATE

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisbianco
Sisbianco
Sisnerohorror

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

I'm your man (2021), amore e fantascienza: la recensione del film di Maria Schrader con Dan Stevens

12/10/2021 15:22

Samantha Ruboni

Recensione Film, Festival, Berlinale, Film Romantico, Film Fantascienza, Film Germania, Berlinale, Festival di Berlino, Maria Schrader, Dan Stevens, Maren Eggert,

I'm your man (2021), amore e fantascienza: la recensione del film di Maria Schrader con Dan Stevens

La storia di una donna diventata un robot e di un robot che desidera essere umano.

Presentato alla 71esima Berlinale, la storia di I'm your man è molto semplice, ma anche molto profonda. È la vicenda di una donna diventata un robot e di un robot che vuole diventare umano. 

 

La nostra protagonista è Alma (Maren Eggert), una studiosa che lavora al Pergamon Museum. Alma è single e non ne vuole proprio sapere di amore e smancerie; ma pur di ottenere dei fondi per un suo importante studio, accetta di portare a casa per tre settimane un androide in forma umana studiato appositamente per lei, come sua perfetta anima gemella. Insomma, sulla carta, è colui che potrà renderla felice.

ocu97vqgobj71-1633957398.jpg

Il problema è che Alma un'anima gemella non la vuole proprio. Il povero Tom (Dan Stevens) farà di tutto per far cadere la donna ai suoi piedi: colazioni romantiche, bagni passionali... ma nulla potrà intaccare in guscio di Alma.

Tom scopre così cosa significhi, pian piano, essere umano; Alma realizza quanto invece sia diventata un robot. Questa convivenza, che all'inizio non sembra proprio funzionare, permetterà ad entrambi di capirsi e trovarsi.

im-your-man-1-1633957477.jpg

Alma, grande sostenitrice dei principi d’indipendenza e del libero arbitrio, considera Tom una macchina vuota, creata (neanche così bene) per soddisfare i suoi bisogni. Allo stesso modo, anche Tom sente che gli manca qualcosa: è privo di ambizioni personali, di paura e del desiderio di libertà che riconosce in Alma.

Però ritiere la sua mansione la più bella del mondo: rendere qualcuno felice. Il paradosso è che questa mancanza di umanità non gli permette di capire come rendere felice Alma. I robot possono falciare i prati e controllare i sistemi di sicurezza, ma l’amore, il sentimento e la felicità sono riservati solo agli esseri umani.

2021030366rwd775-1633957568.jpg

Non è la prima volta che l'essere umano cerca di creare una sua versione artificiale, tecnicamente perfetta. Fin dall’antichità, gli uomini - e ancora prima gli dei -  hanno desiderato plasmare creature perfette con le loro mani. Prometeo generava la vita con argilla e acqua; Pigmalione costruiva una statua femminile della quale innamorarsi: la ricerca della perfezione, di un partner creato su misura, fa da sempre parte dell’umanità.

mv5bnti4zdkym2ityje4my00yzkwlweymjitm2ywztawmgvkn2i1xkeyxkfqcgdeqxvynjywmzm1mjm-v1-1633957645.jpg

Ma in I'm your man di Maria Schrader il problema  avanzato è un altro: che succede se Alma si innamora di Tom? Razionalità e ragione, avranno la meglio sulle emozioni di Alma e sui suoi sentimenti?

La donna ha giustamente paura - paura che questi esseri superiori possano rendere obsoleta l’umanità - dal momento che vede in Tom una creatura evoluta, pacifica, altruista e civile, cosa che l’umanità ormai non è più.

È così che un racconto che inizia come una commedia romantica sci-fi, diventa una vera e propria riflessione sull’umanità e sul suo futuro.

 

«L’ amore e un algoritmo complesso? Non ci adattiamo alle esigenze dei nostri partner anche nelle relazioni tradizionali? Cosa c'è di 'reale' nelle relazioni, e quanto viene appreso, adattato e programmato?»

mv5bzjm4ogzingytodnlos00m2e3lwjkytetzgy1owflnzhmmmrjxkeyxkfqcgdeqxvymtq5mzc5mdu-v1-1634044695.jpg

Maria Schrader ci porta nella sua Berlino, dopo la serie Netflix Unorthodox, per una fantascienza composta da algoritmi, amore e umanità. E per farlo prende due interpreti perfetti: Maren Eggert, vincitrice dell’Orso d’argento per l'interpretazione proprio in questo film, e Dan Stevens, un androide perfetto che tutti vorremmo avere in casa.


locandina6-1633958375.jpg

Genere: commedia

Titolo originale: Ich bin dein Mensch

Paese, anno: Germania, 2021

Regia: Maria Schrader

Sceneggiatura:

Jan Schomburg,

Maria Schrader

Fotografia: Benedict Neuenfels

Editing: Hansjörg Weißbrich

Interpreti: Dan Stevens, Sandra Hüller, Hans Löw, Annika Meier, Maren Eggert, Jürgen Tarrach

Musica: Tobias Wagner

Produzione: 

Letterbox,  

CFA

Distribuzione: Koch Media

Durata: 105'

 


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

photo

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder