facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero

SilenzioinSala.com
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

I migliori del 2020 secondo SilenzioinSala: la classifica di Rossella

29/12/2020 11:33

Rossella Romano

Top e Flop, Film Italia, Serie Tv Drammatico, Serie Tv Spionaggio, Serie Tv USA, Film USA,

I migliori del 2020 secondo SilenzioinSala: la classifica di Rossella

I preferiti del 2020 secondo la Redazione di SilenzioinSala: ecco 5 serie tv e 5 film da vedere

 

I preferiti del 2020 secondo la Redazione di SilenzioinSala: ecco 5 serie tv e 5 film da Rossella

 

Mai come quest’anno abbiamo sentito il bisogno dei film e delle serie tv. Le nostre "libere" uscite sono state, in qualche caso, viaggi affascinanti ed entusiasmanti, attraversando paesi interi (o mondi) restando a casa ma... cambiando divano. E così ognuno di noi ha stilato la sua personalissima classifica.

Abbiamo seguito il Quarto Reich per una caccia ai nazisti con a capo Al Pacino: ci siamo sentiti parte degli Hunters nella New York oscura e vintage di David Weil. La serie è un noir avvincente che ci ha tenuti incollati e un pò schierati, dalla parte del Bene eterno. Divertente e sanguinosa allo stesso tempo, Hunters mette d’accordo e divide ma ci conduce fino alla fine con la voglia di giustizia. A volte giustificata, a volte volutamente efferata.

hunters-occhiata-serie-tv-amazon-pacino-logan-lerman-v3-47369-1609237141.jpg

Proseguiamo con un’altra serie o meglio, miniserie, empatica e arrabbiata: Unorthodox ci fa cambiare direzione e fuggire insieme alla maestosa protagonista, l’ebrea Esty che porta sulle spalle l’emancipazione di un’intera comunità e, per osmosi, la libertà di tutti noi.

 

La lista prosegue verso orizzonti decisamente più imponenti che hanno poco dell’intrattenimento ma sono pregni di regalità: The Crown, decisamente meno regina e più donna reale. L’abbiamo apprezzata da subito e ancora di più in quest’ultima parte del 2020 per il suo aspetto vero, umano e impegnato nei drammi personali e familiari. Ci ha fatto percepire il clima royal ma anche quello familiare, con una maestria quasi accademica: siamo entrati e usciti da quei contesti così "alti" come si entra in una qualsiasi casa. Uno spettacolo teatrale del quale non siamo stati solo testimoni. 

the-crown-4-recensione-stagione-4--1609237014.jpg

Ci spostiamo su una figura maschile avvincente e tenace: la spia Alex Rider. Una serie dal ritmo incalzante che tiene incollati in un movimento vorticoso che non ha nulla di adolescenziale, a dispetto della figura giovane del protagonista. Una serie inaspettata e dinamica che ci fa venire voglia di salvare il mondo, il nostro, ma anche quello di Alex, insieme a lui.

Alla scenografia ipermoderna dello 007 di Anthony Horowitz passiamo a quelle lucide e originali di La regina degli scacchi. Da un gioco per antonomasia fermo e lento, si avvia una mini serie ritmata e piena di colpi di scena dove la figura femminile psichedelica vince dentro e fuori dal gioco ritrovando e salvando se stessa: è proprio quello sguardo profondo e quel fascino di altri tempi con cui riuscirà a fare il vero "scacco matto", la rivalsa di riprendersi la sua vita e imporsi sul mondo maschile in modo ricercato e raffinato. Grazie Scott Frank.

5fa3cbc7240000c51bb03b2e-1609237068.jpeg

A queste 5 serie e miniserie tv, possiamo accompagnare 5 lungometraggi per guardarli o (ri)guardarli, in caso ce li fossimo persi. Mank di David Fincher, forse l’ultimo per uscita, è sicuramente il primo da guardare! Questo film ci ricorda come il cinema abbia ancora la capacità di essere grande: passato e futuro si incontrano per confonderci e, allo stesso tempo, per rendere chiara la storia cinematografica che ci ha accompagnato e attraversato. 

Andando a ritroso in questo 2020 incontriamo Il processo ai Chicago 7, un film vero non solo perché basato su una storia vera: Aaron Sorkin attiva in noi quel senso di insofferenza, di protesta ma anche di ineluttabilità nei confronti degli eventi: protestiamo insieme al cast formidabile contro una guerra reale (quella del Vietnam) e contro una guerra globale e più personale. Il nostro sguardo si sposta dall’America al Made in Italy con Favolacce dei fratelli d’Innocenzo: un film grottesco e inquietante, proprio perché così reale e così umano. Non è un film semplice, ma arriva dritto e gioca con le nostre coscienza ancor prima di rendercene conto. 

Cambiando registro, Amazon Prime ci regala il nuovo film di Guy Ritchie: The Gentlemen un film psichedelico e strafatto! Un gangster-movie simpatico ed eccentrico, a partire dagli abiti che caratterizzano i personaggi e dagli sguardi da duri. Un cast eccellente.

Per ultimo abbiamo scelto uno dei primi film del 2020: il bambino nazista di Taika Waititi, Jojo Rabbit. Un film sul potere nazista? Un film sul bullismo? Sul trionfo del Bene sulla violenza e sulla dittatura? Il regista di Thor mette in scena questo e tutto il resto, facendoci pensare ai tanti rimandi cinematografici che trattano il tema del nazismo in maniera più sfrontata e volutamente spietata. Qui è tutto misurato e, a tratti, comico e ridicolo, coronato da una recitazione mirabile, quella del bambino/adulto, quasi surreale. Si inizia così l’anno, con buoni propositi e, alla fine, con buoni sentimenti.  

È dura estrarre a sorte le migliori pellicole del 2020: per questo non l’abbiamo fatto. Abbiamo semplicemente proposto una parte infinitamente piccola di quello che ci ha fatto compagnia  e che, per qualche motivo, ci ha portato a parlarne. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTERTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder