facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
ASCOLTAILPODCASTLEPARTINOIOSETAGLIATE

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

REDAZIONE
Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisbianco
Sisbianco
Sisnerohorror

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Il Violino Rosso (1998): l'analisi della colonna sonora da Oscar di John Corigliano | Cinema e Musica

30/09/2021 13:00

Chiara Maria D'Angelo

Approfondimento Film, Cinema e Musica, Film Musicale, Samuel L. Jackson, Film USA, Film Canada, Film Storico, John Corigliano, François Girard,

Il Violino Rosso (1998): l'analisi della colonna sonora da Oscar di John Corigliano | Cinema e Musica

Cinema e Musica racconta le migliori colonne sonore della storia del cinema: iniziamo con Il Violino Rosso, Premio Oscar per la Colonna Sonora nel 2000

Cinema e Musica racconta le migliori colonne sonore della storia del cinema, per scoprire cosa ci riserverà il futuro della musica applicata alle immagini. Iniziamo con Il Violino Rosso di François Girard, Premio Oscar per la Colonna Sonora nel 2000

L'articolo che state leggendo fa parte di Cinema e Musica: una rubrica che si promette di scoprire, attraverso la comparazione delle colonne sonore vincitrici di Oscar a partire dagli anni 2000, cosa ci riserverà il futuro della musica applicata alle immagini.


Iniziamo questo viaggio con il principe dell’orchestra, il violino, scelto come protagonista da François Gerard ne Il Violino Rosso, forse il primo - o forse l’unico -  melologo cinematografico dove trama, dialoghi ed emozioni sono uniti da un tessuto musicale che non abbandona mai la scena.

 

Il Violino Rosso: la colonna sonora di John Corigliano

Gli archi in crescendo aprono il sipario. Un motivo tensivo, in pochi minuti, presagisce lo scenario di sventura di cui saremo spettatori e ci trasporta in un battito di ciglia alla fine del 1600. Ci troviamo nella bottega del liutaio cremonese Bussotti: cosa mai potrebbe accadere? L’ostinato (la ripetizione di un breve discorso musicale) dei violini in un registro acuto risponde. Il motivo iniziale si trasforma in un fischio, un treno in arrivo alla stazione di destinazione: il tempo presente, un’asta in cui il Violino Rosso, il nostro protagonista costruito da Bussotti, viene messo in vendita.

 

John Corigliano, il compositore, con quel fischio di violini rompe l’immagine del Violino Rosso come strumento esecutivo per mostrarci una nuova visione, quella del violino spogliato della sua funzione: una mera opera d’arte.

ilviolinorossorecensionecinemaemusica2-1633080700.jpeg

Il protagonista del film: il Violino Rosso

Il Violino Rosso è trattato dal compositore come un attore a tutti gli effetti: gli assegna un tema principale e lo rende protagonista a 360°. È curiosa l’evoluzione del tema del Violino Rosso nel corso del film. La sua entrata è relegata, infatti, al contatto tra lo strumento e il suo esecutore; l’innalzamento freddo del registro (la tensione verso suoni più acuti), il lamento del Violino Rosso, rimanda alla sua vendita. La musica si fa carico della sofferenza dello strumento per la sua mercificazione.

 

Ne è dimostrazione il cambio dei toni usati quando il Violino protagonista ricopre il suo ruolo di strumento, quando può esprimersi. L’accento sui bicordi di ogni brano, specialmente nel periodo barocco, in cui la forma Cioccona ne sottolinea la sua dannazione, un’esistenza legata alla morte. 

 

È il vortice di angoscia di cui è avvolto il liutaio, sconvolto dopo la dipartita della moglie (morta di parto), a scagliare la maledizione: Bussotti marchia la sua creazione con un’ultima passata, una pennellata di sangue appartenente alla sua defunta amata.

ilviolinorossorecensionecinemaemusica3-1633080797.jpeg

Attraverso la storia della musica

Il film percorre la storia della musica attraverso la vita travagliata del Violino Rosso che, come una sorta di re Mida, rende sventurati tutti coloro che lo possiedono. A tratti la colonna sonora sembra un esercizio di tecniche compositive, una carrellata di stili da cui emergono richiami a Béla Bartók, al folklore musicale dell’Est Europa e al virtuosismo di Niccolò Paganini, di cui Frederick Pope (uno dei tanti possessori del Violino Rosso) è l’alter ego.

 

La musica, nel corso di tutto il film, domina la scena e nulla è lasciato al caso. A tratti, però, risulta invadente, ridondante e pomposa, soffocando momenti ed immagini. La scelta di Corigliano di far eseguire i propri brani da Joshua Bell e dalla Philarmonia di Londra, tra le più prestigiose nel panorama mondiale, ha influito sulla scelta di un linguaggio musicale eccentrico e sfarzoso.

ilviolinorossorecensionecinemaemusica4-1633082435.jpeg

Come la musica racconta Il Violino Rosso

La narrazione procede con i viaggi del Violino Rosso, interrotti da flashback che riportano a un momento molto significativo del film: la lettura dei tarocchi da parte di una vecchia domestica alla moglie di Bussotti. Colpo di scena, il regista ribalta il percorso costruito: il protagonista non è il Violino Rosso né la sua maledizione ma la moglie, una donna morta per la vita. È lei che anima il violino: il sacrificio di una madre equivale al sacrificio che ogni musicista consacra alla musica. Un contratto indissolubile che lega l’essere umano allo strumento in cambio del godimento dei sensi.

Una colonna sonora da Oscar

Il Premio Oscar a John Corigliano per Miglior Colonna Sonora nel 2000 lo ha consacrato come una sorta di co-regista del film. I suoi brani, pellegrini del tempo, hanno abbracciato culture diverse per rivelare il leit motiv della pellicola: la musica come eredità universale atemporale che crea la coscienza attiva del mondo.

 

Nel dichiarare a Hollywood la propria visione cinematografica, François Gerard decretava la musica come linguaggio necessario a una narrazione visiva completa. Con Il Violino Rosso siamo spettatori dell’avvio di processo di rewind, un ritorno alle origini in cui la musica torna a essere voce, significato e significante. 


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

Silenzioinsala.com © | All Right Reserved 2021 | Powered by Flazio Experience e Vito Sugameli

photo

ULTIMI ARTICOLI

I PIÙ LETTI

pngwing.com11
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder