facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero
Sisbianco
Sisbianco

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Black Widow (2021), la recensione: il film con Scarlett Johansson inaugura la Fase Quattro dell'MCU

18/07/2021 20:11

David Salvaggio

Recensione Film, Disney+, Marvel Comics, Film Cinecomic, Florence Pugh, Film USA, MCU, Scarlett Johansson , Rachel Weisz, David Harbour, Kevin Feige, Cate Shortland ,

Black Widow (2021), la recensione: il film con Scarlett Johansson inaugura la Fase Quattro dell'MCU

Approda sia al cinema che sulla piattaforma in questione Black Widow, con Scarlett Johansson e Florence Pugh

Il Marvel Cinematic Universe inaugura nel 2021 la sua Fase Quattro. Dopo numerosi rinvii e situazioni incerte, a causa di quel Coronavirus che ha segnato le vite di tutti noi, l'universo condiviso di Kevin Feige ha trovato ulteriore terreno su cui ramificarsi nella piattaforma Disney+. Dopo un preciso numero di serie tv che va ad ampliare il discorso sui personaggi Marvel, approda sia al cinema che sulla piattaforma in questione Black Widow.

blackwidowrecensione6-1626717645.jpg

Questo titolo apre definitivamente le porte alla suddetta Fase Quattro, incentrandosi su un personaggio ben presente nelle numerose vicende viste fino ad ora. Stavolta parliamo di un'eroina umana a tutti gli effetti, senza super poteri o di chissà quale natura, che potrebbe condurci a una storia più matura e diversa dal solito. Ma, conclusa la visione di Black Widow, in verità, si resta con l'amaro in bocca per vari motivi.

Il film di Cate Shortland vive infatti di alti e bassi, con una propensione qualitativa più verso i secondi che i primi. In primo luogo questa pellicola si ritrova in un calderone di situazioni e, di conseguenza, acquista una molteplice natura che finisce per penalizzarla.

 

La storia, successiva agli eventi di Captain America: Civil War, vuole raccontarci le origini della protagonista e calarla inoltre in un contesto prettamente emotivo e personale.

blackwidowrecensione3-1626717834.jpg

Natasha Romanoff è in fuga, perennemente nascosta a causa degli accordi non rispettati di Sokovia. La letale agente segreta ritrova, però, la perduta sorella Yelena, che la conduce a scavare nelle proprie origini e ad affrontare vecchi nemici e fantasmi del passato.

Alla luce di tutto questo, e in presenza del troppo materiale narrativo presente, il film sceglie di seguire la strada standard che ha contraddistinto spesso i prodotti Marvel visti fino a oggi. Si parte infatti con una prima ora quasi interamente votata all'azione, in verità scorrevole e tecnicamente curata, e seguono poi trenta minuti circa dove si cerca di approfondire i personaggi e le relazioni che li legano.

blackwidowrecensione5-1626717614.jpgblackwidowrecensione2-1626717622.jpgblackwidowrecensione7-1626717633.jpeg

Qualche momento in merito può considerarsi riuscito, anche grazie alla prova del buon cast messo in campo, ma si ha l'impressione che si potesse dire e mostrare molto di più in questo contesto: ad esempio i molti personaggi presenti, tutti piuttosto corposi, non hanno modo di manifestare la propria sostanza.

Nell'ultima parte, in cui si preme ulteriormente l'acceleratore sulla spettacolarità, tratta in modo sbrigativo e superficiale il materiale narrativo montato in precedenza.

 

Si avverte la necessità e la volontà di tirare le fila e concludere, per aprire la strada ad altre situazioni future. Il colpo di scena non è affatto scontato e le due ore circa di visione scorrono perfettamente e il ritmo si mantiene sempre alto ma questo non basta. Ed è un peccato perchè la pellicola, da un punto di vista grafico e tecnico, si mantiene in forma e il cast è certamente di livello.

Scarlett Johansson è ormai a suo agio nel ruolo, Florence Pugh è più azzeccata del previsto, David Harbour e Rachel Weisz se la cavano egregiamente e lo stesso si può dire per Ray Winstone e Olga Kurylenko.

 

Black Widow poteva essere l'occasione di vedere qualcosa di diverso e più stratificato, ma sceglie di standardizzarsi piuttosto che osare qualcosa in più. Un'apertura tiepida e che non lascia gridare al miracolo per la Fase Quattro, che speriamo proponga prodotti più ispirati nel suo sviluppo. Trovate il film in sala e anche su Disney+, disponibile con accesso VIP.   


blackwidowrecensione9-1626717539.png

Paese, Anno: USA, 2021

Genere: azione, fantascienza, avventura

Regia: Cate Shortland

Soggetto: Don Heck, Stan Lee, Don Rico,
Jac Schaeffer, Ned Benson

Sceneggiatura: Eric Pearson

Fotografia: Gabriel Beristáin

Montaggio: Leigh Folsom Boyd, Matthew Schmidt

Effetti speciali: Geoff Baumann

Musiche: Lorne Balfe

Interpreti: Scarlett Johansson, Florence Pugh, David Harbour, Rachel Weisz, O.T. Fagbenle, Olivier Richters, Liran Nathan, Ray Winstone, Martin Razpopov, Michelle Lee

Produzione: Marvel Studios

Distribuzione: Walt Disney Studios Motion Pictures

Durata: 133 min


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

Drive-in

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder