facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero
Sisbianco
Sisbianco

un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Storia delle Parolacce (2021), stagione 1: la recensione dell'imperdibile serie Netflix con Nicolas Cage

17/03/2021 14:33

Samantha Ruboni

Recensione Serie TV, Netflix Original, Nicolas Cage, Serie Tv Documentario, Serie Tv USA, Serie Tv Commedia,

Storia delle Parolacce (2021), stagione 1: la recensione dell'imperdibile serie Netflix con Nicolas Cage

C’è qualcosa di meglio di Nicolas Cage che ci spiega il significato delle parolacce più usate?

 

C’è qualcosa di meglio di Nicolas Cage che ci spiega il significato delle parolacce? Ovviamente no ed è per questo che dovete vedere, per forza, questa serie Netflix

 

Storia delle parolacce è una serie Netflix, che ha come host un Nicolas Cage bon ton: insieme a ospiti ed esperti, l'attore ci conduce in un viaggio nella storia delle parolacce. Da dove nascono, qual è la loro evoluzione e come vengono utilizzate ai giorni nostri.

Nella versione originale della serie, che consta di 6 episodi, le parolacce portate in scena sono: fuck, shit, bitch, dick, pussy e damn. Parolacce talmente utilizzate e sentite che anche chi non è molto propenso all’inglese le conosce.

La produzione è a cura di Funny or Die, fondato “solo” da Will Ferrel e Adam McKay. Già da questa premessa, la cosa dovrebbe apparirvi interessante. In più Storia delle parolacce è una docu-serie e sappiamo che queste cose Netflix le fa bene. Ma non solo, le redini del programma vengono date in mano a chi usa le parolacce come un vero e proprio lavoro: Nicholas Cage. Signore e signori, abbiamo fatto Bingo!

Perchè raccontare la Storia delle parolacce

La serie tv ha il pregio non solo di parlare senza peli sulla lingua e di accendere i riflettori su parole considerate tabù, ma anche di raccontarci la storia di queste parole che per lo più nascono prive di significati offensivi. Ed è così che bitch deriva dalla parola che definisce l’esemplare femmina di cane e dick, invece, è il soprannome di Richard.

Un approfondimento originale, che non vuole mai fare la morale a nessuno, ma vuole solo restituirci un’attenta analisi di vocaboli che usiamo nel nostro quotidiano. E per approfondire al meglio in ogni puntata, vengono chiamati vari ospiti: comici come Sarah Silverman, Nick Offerman, Nikki Glaser, Patti Harrison; ma anche professori, studiosi, storici e lessicografi come Benjamin Bergen, autore del saggio What the F, e Melissa Mohr, autrice di Holy Sh*t: A Brief History of Swearing.

1-3-1615917988.jpg

Una serie tv sul significato delle parolacce

History of Swear Words è una visione quindi delle parolacce a 360°, partendo dalla storia, ma senza tralasciare il riscontro sulla nostra storia sociale. Come per la parola bitch che, da pesante insulto rivolto alle donne, è diventato un urlo femminista per la rivendicazione del proprio corpo. Si parla anche del Codice Hays, che fino agli Sessanta vietava le parolacce al cinema e di come esse abbiano dilagato ugualmente.

A questo proposito il nostro host, Nicolas Cage, ci porta tra statistiche e conteggi degli attori che hanno pronunciato più parolacce nella loro carriera e in un film. Spoiler: no, al primo posto non c’è Nicolas Cage. Anche se nel primo episodio si esibisce in un fuck di svariati minuti che vale, da solo, tutta la visione della serie.

screen-shot-2021-01-07-at-3-05-03-pm-1615918088.jpg

Impossibile non citare film e poculture quando si parla di slang culturale, ed è così che ci si addentra in film e canzoni: dalla ormai iconica Dick in a box dei Lonely Island e Justin Timberlake Lizzo che, con la sua Truth Hurts, ci fa capire la differenza tra il semplice bitch e il “that bitch”.

L'imprecazione, lo sapete, ha inoltre valenza terapeutica. Secondo gli studiosi, tendiamo a usare le parolacce come una sorta di antidoto per percepire meno il dolore. Una catarsi che ci permette di resistere di più al malessere fisico e psicologico, nonchè di rilasciare le nostre emozioni. Quindi, non tenetevi tutto dentro: imprecate! È salutare, lo dice la scienza. E anche Nicolas Cage.


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

Drive-in

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder