facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram
Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Sisnero

SilenzioinSala.com
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

MuciaraFestival-Bannerstretto

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTERTER

Guinea Pig 3 - He never dies (1986): il terzo film della saga più estrema del cinema

26/01/2021 17:07

Marco Filipazzi

Recensione Film, Cinema Estremo, Film Horror, Film Estremo, Film Giappone, Guinea Pig, Satoru Ogura,

Guinea Pig 3 - He never dies (1986): il terzo film della saga più estrema del cinema

Il terzo capitolo di Guinea Pig: dove la saga cambia rotta

Nella saga di Guinea Pig i film non hanno, in realtà, un vero e proprio filo conduttore. Non c’è nesso, non ci sono personaggi ricorrenti. In alcuni casi non c’è nemmeno una storia di base, ma solo un susseguirsi di sequenze shock. 

Ma se i primi due capitoli erano accomunati da diversi elementi, sia stilistici (la qualità “amatoriale”, la quasi assenza di dialoghi e di una trama) sia narrativi (entrambi sono la cronaca di una tortura), al punto che il secondo è quasi una versione migliorata e aggiornata del primo, dal terzo capitolo in poi c’è uno stacco netto.

capguinea-pig-part-3-he-never-dies-dvdrip-xvid-sick00063803-1611680212.jpg

Il filo conduttore resta sempre la violenza, mostrata nella maniera più esplicita possibile sullo schermo. A parte questo, si cerca di aggiungere qualcosa. Innanzitutto iniziano a esserci delle trame. In secondo luogo registi diversi sperimentano toni diversi. Sembra quasi che Guinea Pig voglia diventare una specie di bigino della violenza, declinandola in tutti i modi possibili. La verità è che, come tutte le serie antologiche, a volte ci riesce, altre volte un po’ meno.

Ma come si può alzare il livello di gore e violenza dopo una cosa come Flower of flesh and blood? Semplice... non si può. Per questo il terzo Guinea Pig cambia totalmente rotta, confezionando un mediometraggio che poco o nulla ha a che fare con i precedenti due capitoli.

Innanzitutto l’impostazione è del tutto differente. Non si cerca più di far passare il film per uno snuff o presunto tale: viene impostato un racconto grazie a una trama che, non sarà Orson Wells, ma comunque ha una struttura e dei personaggi. Anzi, già il fatto che i personaggi abbiano dei nomi senza che si riducano a semplici carnefici/vittime, è un grande passo avanti. Di conseguenza anche regia e montaggio sono più presenti e raccontano una storia senza limitarsi solamente a incasellare una tortura dopo l’altra.

schermata2021-03-26alle11-19-56-1616754008.png

Il terzo punto di stacco è il tono: accantonato il realismo a tutti i costi, qui si vira nel grottesco scivolando, a tratti, nella comicità slapstick. Sì, ma la violenza? C’è, c’è, non preoccupatevi. Anche qui abbiamo una buona dose di sangue e mutilazioni autoinflitte. Ma tutto è annacquato dal fatto che (forse per correre ai ripari dopo i polveroni scatenati dai capitoli 1 e 2) il realismo di cui erano pregni i primi due film, qui è del tutto assente.

Anzi, sui titoli di coda ci si concede persino la tristissima scelta di montare alcuni fuoriscena in cui gli attori scherzano tra loro sul set, in mezzo a sangue e frattaglie, quasi volessero rassicurare lo spettatore che è tutto finto, uno scherzo, una grande burla.

guineapigfilmserieslogo1-1616753957.png

Peccato, perché la trama era anche interessante: un anonimo impiegato, annoiato dalla monotonia della sua vita, cerca di suicidarsi tagliandosi le vene.

Il problema è che non prova dolore, né tantomeno il suo corpo pare reagire come dovrebbe, ostinandosi a rimanere in vita anziché morire. L’uomo si torturerà sino allo sfinimento mutilandosi, trafiggendosi, cercando di uccidersi in ogni modo, ma senza mai riuscire a raggiungere il risultato sperato.

Ancora una volta gli effetti speciali sono ottimi, ma il tentativo di provare a inserire elementi nuovi nella saga (la comicità in primis) non fa altro che depotenziare il prodotto finale.


unnamed-1-1611680741.jpg

Genere: estremo, horror

Titolo originale: Ginî piggu 3: Senritsu! Shinanai otoko

Paese, Anno: Giappone, 1986

Regia: Masayuki Kusumi

Sceneggiatura: Satoru Ogura, Masayuki Kusumi

Interpreti: Shinsuke Araki, Masahiro Satô, Rie Shibata

Produzione: Sai Enterprise

Durata: 39'

 


facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
pinterest
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta SilenzioinSala.com

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder