facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Nour: la recensione del film con Sergio Castellitto

09/06/2020 03:32

Andrea Desideri

Recensione Film, Drammatico, cinema italiano, Sergio Castellitto,

Nour: la recensione del film con Sergio Castellitto

Maurizio Zaccaro, attraverso la prova di Sergio Castellitto, racconta Pietro Bartolo: il medico di Lampedusa

Lampedusa come lente d’ingrandimento sul mondo, centro nevralgico di un tema che continua ad animare, quotidianamente, il dibattito politico e a scuotere – per quanto possibile – le coscienze della collettività. La questione dell’immigrazione e dello sbarco di migranti nel nostro Paese viene affrontata con garbo e profondità da Maurizio Zaccaro che, attraverso la professionalità e l’intensità di Sergio Castellitto, restituisce la parabola storico-sociale di Pietro Bartolo, il medico che aiuta i migranti a Lampedusa non appena mettono piede (quando ci riescono) sull’isola. 

722637-thumb-full-720-nourtrailerufficialecinemah264-1599355330.jpg

L’uomo, nella fattispecie, prende a cuore il caso di Nour: una bambina siriana rimasta senza mamma. Da qui parte un racconto nel racconto che illustra – scena dopo scena – una guerra tra poveri con al centro due temi, in particolare: l’intolleranza della collettività e la disillusione di anime senza patria costrette a reinventarsi un’esistenza dopo una traversata con più rischi che aspettative. 

Nour è il prodotto di un progetto editoriale (Lacrime di sale) che non vuole fare altro se non cercare di sensibilizzare un tema dibattuto e, talvolta, bistrattato dalle varie parti in commedia. Stavolta, la commedia lascia il posto alle emozioni: tante, troppe, per cercare di stilare una lista ponderata di priorità. Nour arriva come un pugno nello stomaco, ponendoci di fronte al non detto e non scritto per avere l’artificio visivo – e inevitabilmente brutale – come sola possibilità d’indagine, rimettendo al centro un uomo senza apparentemente più nulla disposto ancora a dare tutto per i suoi pazienti. La certezza di essere una goccia nel mare delle possibilità, nel corso del girato, emerge grazie alla caducità degli eventi: imponderabili e ripetitivi in egual misura; capaci di dimostrare quanto persino i gesti più scontati, in certe situazioni, hanno un valore profondo con cui fare i conti. Nour è un attacco non violento al qualunquismo, volto a etichettare le persone come numeri, coltivando la pretesa (possibile) di spiegare che ognuno c’è un mondo da scoprire e custodire, fatto di esigenze e priorità. 

10cab0f32596566d8fdf4f91a890661b-1599355315.jpg

È un film, Nour, che prende il mare e la sua profondità come pretesto per scrutare – silenziosamente – il vissuto di una collettività (quella lampedusana e più ampiamente italiana) che si ritrova a dover fronteggiare un fenomeno incontrovertibile come quello degli sbarchi che, però, finisce per mettere a nudo le intransigenze di coloro che scambiano i reduci con i parassiti, gli afflitti con gli opportunisti, i sopravvissuti con i potenziali despoti. 

 

Quest’opera è, senza dubbio, un importante tassello verso il riscatto del cinema etico che attraverso umiltà, caparbietà e franchezza riesce a far emergere ferite ancora aperte di un’isola che, oggi più che mai, diventa lo specchio di un Paese pronto – nonostante tutto – all’accoglienza piuttosto che al respingimento. Anche grazie a persone come Pietro Bartolo che, laddove altri vorrebbero innalzare muri, riescono ancora a vedere possibilità e speranze di un futuro dai risvolti spesso imponderabili. Sorretto, il più delle volte, esclusivamente dalla tenacia di un giuramento fatto prima a sé stessi e poi agli altri: lasciare ai posteri un mondo migliore dove essere fragili sia un’eventualità anziché una colpa.


schermata2020-09-06alle03-1599355272.png

 

Genere: drammatico

Titolo originale: Nour

Paese/Anno: Italia, 2019

Regia: Maurizio Zaccaro

Sceneggiatura: Maurizio Zaccaro, Monica Zapelli

Fotografia: Fabio Olmi

Montaggio: Paola Freddi

Interpreti: Sergio Castellitto, Linda Mresy, Miloud Mourad Benamara, Raffaella Rea, Thierry Toscan, Valeria D'Obici

Colonna sonora: Maurizio Zaccaro, Alessio Vlad

Produzione: Stemal Entertainment, Ipotesi Cinema, Rai Cinema

Distribuzione: Vision Distribution

Durata: 93'

Data di uscita: 10/08/2020

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder