facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Eurovision Song Contest - La storia dei Fire Saga: la recensione

07/24/2020 04:00

Samantha Ruboni

Recensione Film, Netflix Original, will ferrell, Rachel McAdams,

Eurovision Song Contest - La storia dei Fire Saga: la recensione

Will Ferrell riesce a donarci le atmosfere e lo stile di uno spettacolo che ha orde di fan in tutta Europa: l'Eurovision Song Contest

In un anno dove, a causa della pandemia, siamo stati orfani dell’Eurovision Song Contest, Will Ferrell riesce a donarci le atmosfere e lo stile di uno spettacolo che da sempre ha orde di fan in tutta l’Europa.

 

L’Eurovision Song Contest, per chi non lo conosce, è la casa del trash puro e del troppo, dove canzoni che mai avremmo ascoltato diventano le nostre preferite. Un insieme di glitter sbrilluccicanti e performance, a ogni edizione sempre più folli. Ricordiamo le babuska russe, il pattinatore Plushenko, i Lordi con i loro costumi orrificanti e poi la mitica Conchita Wurst. Ma anche la ruota da criceto che vediamo ripresa proprio per la performance dei Fire Saga, senza però conseguenze catastrofiche. E poi quanto ci piacciono i violini? E le coreografie: tutte le canzoni dell’Eurovision hanno coreografie che i cantanti, nel bene e nel male, devono realizzare.

11592792210160462275730620440080569146203397n-1597076330.jpg

Will Ferrel cerca di concentrare tutto questo in un film, narrando la storia della nazione solitamente più sfigata di tutte: l’Islanda. I due protagonisti ne incarnano l’essenza, in maniera parodistica e caricaturale: Lars e Sigrit.

Lars (Will Ferrell) fin da bambino viene folgorato dalla performance degli Abba di Waterloo all’Eurovision Song Contest del 1974. Da lì l’obiettivo di Lars è partecipare al contest.Crea così il duo Fire Saga, insieme all’amica d’infanzia Sigrit (Rachel McAdams). Le loro canzoni sono proprio in stile Eurovision, ma non riescono a sfondare e i due rimangono a suonare nell’unico locale della loro piccola cittadina. Per una serie di fortunati (e tragicomici) eventi, però, i Fire Saga riescono a raggiungere improvvisamente il loro sogno: l’Eurovision Song Contest.

 

Qui vengono proiettati nello spirito del contest, in primis dall’affascinante cantante russo Alexander Lemtvon (interpretato da un Dan Steven perfetto e divertentissimo, che riesce perfino a rubare la scena a Ferrell). La magia diventa pura realtà quando a una festa di Alexander inizia un karaoke collettivo al quale partecipano anche i veri vincitori dell’Eurovision: da Loreen a Alexander Rybak, da Jamala a Netta Barzilai; fino alla regina indiscussa dell’Eurovision, che ha in sé tutti i valori di questo grande spettacolo, Conchita Wurst. Con tutte queste distrazioni e questa competizione, riusciranno i Fire Saga a vincere l’Eurovision Song Contest?

Per godersi questo film bisogna prenderlo per quello che è: una commedia sulla cultura trash. Bisogna mettere da parte le polemiche per un film che forse risulta un po’ caricaturale per come rappresenta gli islandesi e gli altri partecipanti del contest. Ricordiamo che è proprio L’Eurovision a prendersi in giro da solo, sempre (recuperate su YouTube la canzone dell’Eurovision “Love Love Peace Peace”, ecco è tutto lì). 

E la cosa incredibile è che questa cosa qui l’ha capita non un europeo, ma un americano! Ferrell ha compreso il potenziale di questo evento, se vogliamo di nicchia, e ha avuto il coraggio di portarlo in America. Negli Stati Uniti la maggior parte della gente non sa nemmeno cosa sia l’Eurovision, ed hanno avuto bisogno di disclaimer e articoli che spiegassero cosa stavano vedendo sullo schermo. Per noi del Vecchio Continente, invece, l’Eurovision resta un evento di unione che celebra la stranezza, la diversità, l’Europa…come vorremmo che fosse.


eurovision-song-contest-la-storia-dei-fire-saga-poster-1-720x1080-1597157239.jpg

Genere: commedia, musicale

Titolo originale: Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga

Paese/Anno: USA, 2020

Regia: David Dobkin

Sceneggiatura: Will Ferrell, Andrew Steele 

Fotografia: Danny Cohen

Montaggio: David Dobkin

Interpreti: Will Ferrell, Rachel McAdams, Pierce Brosnan, Dan Stevens, Demi Lovato.

Colonna sonora: Atli Örvarsson

Produzione: Gary Sanchez Productions

Distribuzione: Netflix

Durata: 121'

Data di uscita: 26/06/2020

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder