facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Notte prima degli esami - Oggi

01/19/2011 11:00

Erika Di Giulio

Recensione Film,

Notte prima degli esami - Oggi

Tornano, sempre uguali, gli intoccabili brizziani degli anni ottanta favoriti da un paio di decenni, mentre intorno, tutto è cambiato...

11671-.jpeg

Tornano, sempre uguali, gli intoccabili brizziani degli anni ottanta favoriti da un paio di decenni, mentre intorno, tutto è cambiato. Fausto Brizzi fa saltare i suoi ragazzi sulla macchina del tempo, proprio come si farebbe coi personaggi dei fumetti, inaugurando il Newquel dell’oggi, che resta sganciato e autonomo dal mondo di ieri. A battere il tempo stavolta, a braccetto con la maturità, arrivano i mondiali di calcio Germania 2006 che vedranno l’Italia trionfare.


Notte prima degli esami - Oggi racconta la storia di Luca Molinari (Nicolas Vaporidis), tanta voglia di amare e poca di studiare. Nella calura estiva della Capitale fervono i preparativi per la finale dei mondiali di calcio e si intrecciano le vicende spensierate di un inseparabile gruppo di amici, Alice (Sarah Maestri), Massi (Andrea De Rosa), Simona (Chiara Mastalli) e Riccardo (Eros Galbiati). Luca si innamora di Azzurra, una frizzante biologa marina poco più grande (l’indecisa Carolina Crescentini corsa prevedibilmente a rimpiazzare Cristiana Capotondi). Massi e Simona combattono, al solito, con le intemperanze di lui, Alice continua ad amare in silenzio Luca e gli strappa una notte di passione, Fabio Grosso segna il rigore della vittoria. Gli adulti intorno sono inadeguati, assenti e pasticcioni e i maestri (Serena Autieri) non insegnano. Il padre di Luca, Paolo (Giorgio Panariello, goffo al cospetto di Giorgio Faletti, vera punta di diamante del film gemello) è solo un bimbetto tra i ninnoli del suo negozio di giocattoli. Eternamente bugiardo e sprovveduto, oltreché fedifrago incallito ai danni della moglie (Paola Onofri).


Brizzi impasta una specie di cinepanettone scaduto e insapore mantenendo toni sempre insopportabilmente concilianti. La visione complessiva gli sfugge di mano a favore del percorso individuale e l’effetto è privo di consistenza. Ma squadra che vince non si cambia e gli irriducibili ripartono alla carica. Ancora Marco Martani e Massimiliano Bruno inseparabili al soggetto e alla sceneggiatura, di nuovo Bruno Zambrini musicista e Marcello Montarsi alla fotografia. E Nicolas Vaporidis, tenero, disincantato e insulso quanto basta. Brizzi confeziona la doppietta e perde vigore complicando il buon esito con una sfacciata operazione di marketing e di product placement degna di un ipermercato. Play station, I-Pod, Nintendo, cellulari e gadgets vari schiacciano ambienti e personaggi. Il tessuto simbolico è profondamente mutato e la magia degli 80’s svanita. Agli esami di maturità impazzano i crediti e le tracce su internet. Il terrore corre sui blog e sulle chat e hanno successo i flashmob che infiammano orde di persone in primitivi fenomeni di nudismo e lotta collettiva.


Generazioni a confronto, padri troppo piccoli per figli sempre più maturi. Amorazzi estivi (più o meno corrisposti), amicizia a prova di fuoco, piccoli e grandi tradimenti, corse a perdifiato, colpi di scena, qualche nudità di troppo. Il tutto tra licenze d’autore varie e con la classica apparente scioltezza che si opacizza a tratti, calando nella mediocrità. Niente commedia stavolta, solo fiction avulsa dalla realtà e non delle migliori. Brizzi azzeccagarbugli dei giorni nostri, naviga a vista nel gergo e nell’universo giovanile, smarrendo spesso la brillantezza e la sincerità dell’esordio, ma confermando un innegabile talento nella manipolazione dell’intreccio, seppur a dispetto delle intenzioni, noiosamente uguale a sé stesso. Stesse le premesse, stesso lo scioglimento: l’esame si porta a casa, la vittoria pure, ma l’amore no. Colonna sonora (Queen, Alexia, Luca Carboni, Finley, Gemelli Diversi, Flanders) e retorica calcistica battente. Gradevoli le evoluzioni nel delfinario.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder