facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Michael Jackson - Chi ha ucciso il Re del Pop?

12/14/2010 11:00

Vito Sugameli

Recensione Film, musicale, michael jackson,

Michael Jackson - Chi ha ucciso il Re del Pop?

Sonia Anderson ci riprova ad affondare le sue mani nell'intricata storia del re del pop senza, ancora una volta, uscirne a testa alta...

11251-.jpeg

Sonia Anderson ci riprova ad affondare le sue mani nell'intricata storia del re del pop senza, ancora una volta, uscirne a testa alta. Dopo il trascurabile Unmasked, documentario sceneggiato e diretto in fretta e furia subito dopo la morte dell'artista (per guadagnare tempo sulla concorrenza e dare ufficialmente il via allo sciacallaggio mediatico), con l'allettante titolo Chi ha ucciso il Re del Pop? torna a parlare di Michael Jackson prendendo spunto dalle fonti fino a quel momento rese note dai media di tutto il mondo.


L'inizio è intrigante con l'intervento dei paramedici accompagnati dalla chiamata originale al 118. Seguono interviste a Navi, Marc Lester, Steven Machat, i fratelli Jackson, Quincy Jones, Susan Etok e altri filmati di repertorio. Un approccio vanificato da una confusione di intenti, poiché terminate le supposizioni degli intervistati (la regista evidentemente non vuole assumersi delle responsabilità), lo sguardo commemorativo si sposta sulle accuse degli anni precedenti, sul processo che lo vide impegnato per ben 3 mesi contro l'accusa di pedofilia e la volontà di mascherare la verità scivola ancora una volta nel dimenticatoio.


Nulla che non sia stato detto, nessuna fonte inedita: la Anderson assembla per la seconda volta un prodotto superficiale seppur valido dal punto di vista formale. Le immagini si allineano al testo e, nonostante la musica del Re del Pop sia essenzialmente uno spettro, le dichiarazioni scelte dalla regista si legano alle sue con moderata coerenza. Fermo restando che non utilizza mai toni di sfida o di analisi critica, quello che la Anderson fa non si distacca poi molto da quello che, da decenni, fanno i tabloid: speculare. D'altra parte, che il documentario di inchiesta non fosse nelle sue corde lo si era capito guardando Unmasked; ciò che ad oggi risulta difficile comprendere è come sia possibile lasciare, a chi in verità avrebbe pochissima voce in capitolo, tanto spazio. Per fortuna, del Re del Pop rimangono gli album e le canzoni: Morphine, Childood, You are my life, prove tangibili, testamenti scritti sullo spartito e rivolti a chi ha orecchie per ascoltare.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder