facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Un alibi perfetto

11/16/2009 11:00

Roberto Semprebene

Recensione Film,

Un alibi perfetto

Remake di un film di Fritz Lang del 1956, Un alibi perfetto è un thriller noir di Peter Hyams, interpretato da Michael Douglas insieme ai meno noti Jesse Metcal

5891-.pjpeg

Remake di un film di Fritz Lang del 1956, Un alibi perfetto è un thriller noir di Peter Hyams, interpretato da Michael Douglas insieme ai meno noti Jesse Metcalfe (Desperate Housewives) e Amber Tamblyn (The ring, The grudge).


C.J. Nicholas (Metcalfe) è un giovane giornalista che aspira allo scoop della vita. Appassionato di cronaca giudiziaria, non perde un processo condotto dal procuratore distrettuale Hunter (Douglas), le cui vittorie sono spesso determinate da prove dell’ultimo minuto. Questo particolare insospettisce C.J., che ipotizza una messa in scena di prove costruite, di volta in volta, ad hoc dallo stesso procuratore per arrivare a sentenze di condanna. Sulla scia di questa intuizione, Nicholas realizza, insieme al collega Finley (Joel Corey Moore), un pericoloso piano per smascherare il procuratore, il cui meccanismo impone che lui stesso sia accusato di un omicidio che non ha commesso. A complicare ulteriormente la situazione, C.J. si innamora di Ella (Amber Tamblyn), la bella assistente del procuratore, che assumerà suo malgrado un ruolo centrale nella vicenda.


La costruzione del film non manca di presentare interessanti spunti, su tutti il rapporto fra stampa e giustizia, l’impossibilità di definire in modo univoco verità o menzogna, la mancanza di una cartina tornasole che possa mantenersi inalterata, il ruolo della tecnologia nella conduzione dei processi di oggi. La trama, come si addice ad un noir, è un complesso intreccio di situazioni ambigue, dubbi e colpi di scena, che Hyams costruisce con sufficiente capacità per mantenere elevata l’attenzione degli spettatori, ma che al contempo soffre di una certa prevedibilità anche per i colpi di scena più eclatanti. A tal riguardo, alcune scene sembrano essere state sottovalutate nell’economia generale del film, costituendo indizi troppo marcati, lasciando intuire con eccessiva semplicità lo sviluppo a danno di quelle che dovrebbero rappresentare scioccanti rivelazioni. La parte finale si risolve frettolosamente e la scena conclusiva lascia basiti per una sorta di incongruità con il tenore generale del film. La frequenza con la quale si presenta nella recente cinematografia noir una tendenza non all’ovvietà, ma alla facilità di comprensione delle scene cardine, sembrerebbe lasciar il dubbio che il genere abbia perso la capacità di reinventarsi in maniera credibile e innovativa. In realtà è l’indice, oltre che della competenza raggiunta dal pubblico, della difficoltà intrinseca di un meccanismo complesso e affascinante, al quale bastano piccole incongruenze per incepparsi.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder