facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Noah

04/19/2014 10:00

Paolo Sammati

Recensione Film,

Noah

Noah (Russell Crowe), discendente della stirpe di Adamo, è il prescelto dal Creatore, il Dio dell’Antico Testamento...

26461-.jpeg

Noah (Russell Crowe), discendente della stirpe di Adamo, è il prescelto dal Creatore, il Dio dell’Antico Testamento. Dovrà costruire un’arca e imbarcarvi due esemplari di tutte le specie animali per metterli in salvo dall'arrivo di un diluvio che sommergerà tutte le terre emerse. Nel perseguire i dettami ricevuti attraverso alcune visioni, il patriarca dovrà affrontare il discendente della stirpe di Caino, Tubal-cain (Ray Winstone), e gestire forti conflitti all’interno della sua famiglia.


Hollywood volge ancora una volta il suo sguardo verso il genere biblico. È un dato di fatto, l’industria cinematografica americana non ha dimenticato la preziosa lezione di Cecil B. De Mille, “la Bibbia è anche una meravigliosa sceneggiatura”. E così Darren Aronofky, il regista candidato all’Oscar per Il cigno nero e vincitore del Leone d’Oro a Venezia con The Wrestler, racconta il diluvio universale come la prima Apocalisse dell’umanità, potendo contare sulle capacità e sull’esperienza di Russell Crowe per il ruolo del protagonista. Pur prendendosi alcune libertà rispetto alle fonti, il regista newyorkese – ateo di origini ebraiche – dimostra un grande rispetto per una delle storie più conosciute di sempre, una vicenda sospesa in un’epoca mitica dove religione, magia e leggenda si fondono in maniera indissolubile. Non c’è tentativo di storicizzazione, non ci sono velleitarie ricerche di plausibilità: Noah è un film dai dichiarati intenti ammonitori, un’opera vegana e animalista, dove i malvagi sono inesorabilmente associati al consumo della carne. Aggiornato alla sensibilità cinematografica di oggi - perlomeno a quella hollywoodiana, che nei casi più fortunati prevede un sapiente connubio di effetti speciali e tensione drammatica - l’epopea biblica di Aronofsky arriva in Italia preceduta da molte polemiche: è stato bandito in alcuni paesi arabi, per il divieto islamico di rappresentare le figure dei profeti, ed è stato criticato da numerosi gruppi evangelisti americani, che hanno attaccato le licenze poetiche e fantasiose del regista (come l’introduzione del personaggio di Emma Watson, Ila, che non esiste nella Bibbia).


Dopo gli ultimi successi di critica e pubblico, Aronofsky firma un film certo non indimenticabile, lontano dagli apici raggiunti da questo genere negli anni ’50 con I dieci comandamenti e Ben-hur, ma notevole per l’enorme quantità di simbolismi messi in scena (in particolare la dantesca rappresentazione di Dio attraverso i cerchi concentrici) e soprattutto per la chiarezza con cui esprime l’idea del suo autore: creazionismo ed evoluzionismo sono la stessa cosa, il primo giorno della creazione, descritto nella Genesi, non è altro che il Big Bang del modello cosmologico.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder