facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Nero Infinito

05/10/2013 10:00

Marco D'Amato

Recensione Film,

Nero Infinito

Operazione nostalgia per Giorgio Bruno: il giovane regista, con Nero Infinito, prova a rinverdire l’antica e fortunata tradizione del thriller italiano anni ’70

22281-.jpeg

Operazione nostalgia per Giorgio Bruno: il giovane regista, con Nero Infinito, prova a rinverdire l’antica e fortunata tradizione del thriller italiano anni ’70 che ha ispirato innumerevoli registi successivi, a partire da Quentin Tarantino naturalmente, raggiungendo spesso picchi elevatissimi di qualità nonostante budget quasi mai congrui.


Una città del sud Italia è sconvolta dagli omicidi di un serial killer: le vittime sono tutte giovani ragazze, orribilmente torturate prima di essere uccise. Sulle tracce del maniaco si mettono gli ispettori Elena D’Acquino (Francesca Rettondini) e Valerio Costa (Rosario Petix), le cui indagini portano direttamente alla scrittrice Dora Pelser (Egle Doria), dato che gli omicidi ricalcano in tutto e per tutto quelli descritti nei suoi romanzi. Tra i sospettati vi sono anche il suo editore e amante Piero Mazzoni (Riccardo Maria Tarci) e il barista-fan Leo (Giuseppe Calaciura). La lunga catena di omicidi si spezzerà solo dopo una difficile ricerca.


Se il tentativo del regista siciliano è apprezzabile, il prodotto complessivo non raggiunge nemmeno la sufficienza: recitazione a tratti amatoriale (discreto comunque Petix), sceneggiatura pesantemente campata in aria, ironia poco incisiva e imprecisioni nel montaggio appesantiscono notevolmente la visione che ha comunque il pregio di crescere con il passare dei minuti e l'evolversi della vicenda, grazie anche al buon impatto visivo della “stanza delle torture”, sufficientemente angusta, sporca e tetra. Apprezzabile l'idea di far comparire in brevi camei i registi del cinema di genere: Enzo G. Castellari è il commissario di polizia, Ruggero Deodato lo psichiatra, Claudio Fragasso lo squinternato amico e collega dell'ispettore Costa. Bruno prova a reinventare la lezione di Argento e dei grandi maestri del thriller italiano ma non riesce ad andare al di là di un mero omaggio senza significative valenze artistiche.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder