facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

L'arrivo di Wang

03/02/2012 11:00

Marco D'Amato

Recensione Film,

L'arrivo di Wang

Gaia (Francesca Cuttica) è un’interprete specializzata nella lingua cinese...

16751-.jpeg

Gaia (Francesca Cuttica) è un’interprete specializzata nella lingua cinese. Una mattina viene avvisata con una telefonata di un’improvvisa ed altamente remunerativa offerta di lavoro: viene raggiunta in macchina dal misterioso signor Curti (Ennio Fantastichini) e condotta, bendata, in un luogo top-secret. Il suo compito sarà quello di tradurre le domande di Curti e le risposte di uno sconosciuto interlocutore, il signor Wang (Li Yong), all’interno di una stanza totalmente buia. Chi è il signor Wang? E perché è rinchiuso lì dentro? L’impossibilità di continuare l’interrogatorio al buio spinge il signor Curti ad accendere le luci a mostrare a gaia la reale identità del suo interlocutore. Nonostante lo shock, le maniere brutali e i toni intimidatori di Curti colpiscono fortemente Gaia che prende sempre più spesso le difese dell’inerme Wang. La ragione porta la ragazza - come lo spettatore, che segue ciecamente la prospettiva di Gaia - a fidarsi di Curti, un suo simile, di fronte a un Wang del quale ignora tutto e colpevole di chissà cosa; il suo istinto però la porta a sospettare di Curti (in fondo, cosa sa di lui? E perché tutta questa segretezza?) e a parteggiare umanamente per il sempre più brutalizzato Wang.


I fratelli Manetti girano un film di genere incentrando il racconto sul rapporto dicotomico fascinazione/repulsione che si crea di fronte all’estraneo: Gaia è profondamente disgustata dall’atteggiamento di Curti e la sua coscienza vuole a tutti i costi confortare Wang, eppure ha paura ad accostarsi del tutto al suo misterioso interlocutore (“Vedi? Anche tu hai paura ad avvicinarti” le sussurra Wang). E quando la situazione precipiterà l’unica persona ad aiutare Gaia sarà un’altra estranea, la signora Amounike (Juliet Esey Joseph), un’immigrata di colore. Tensione sempre alta, accentuata dalla claustrofobia che pervade tutto il film, girato quasi esclusivamente all’interno del bunker nel quale si svolge l’interrogatorio, e una forte vena fantascientifica ben assecondata dagli effetti speciali della Palantir Digital Media: nonostante gli evidenti limiti tecnologici e di scrittura, L’arrivo di Wang procede senza un minuto di stanca lasciando lo spettatore nel dubbio sino al colpo di scena finale.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder