facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The Help

01/19/2012 11:00

Martina Calcabrini

Recensione Film,

The Help

Quando si crede in qualcosa, bisogna combattere per ottenerlo...

16181-.jpeg

Quando si crede in qualcosa, bisogna combattere per ottenerlo. Lo sa bene Tate Taylor, attore, regista, sceneggiatore e produttore statunitense che, dopo Pretty Ugly People, è tornato in cabina di regia per dirigere la trasposizione cinematografica del romanzo di Kathryn Stockett.


Nel 1960 la piccola comunità di Jackson, nel Mississippi, è talmente ancorata alle leggi razziali di Jim Crow da non accorgersi che il mondo circostante è in fermento. Arcaiche consuetudini sociali e culturali scandiscono la vita delle altolocate signore bianche, divise tra partite a carte e incontri pomeridiani utili a spettegolare delle sventure dell’una o dell’altra. Le donne afro-americane, invece, sono dedite alla cura della casa e all’educazione dei figli delle loro padrone, costrette a subire umiliazioni e mortificazioni senza potersi difendere. La timida Eugenia “Skeeter” Phelan, di ritorno dall’università, sogna di diventare una giornalista forte e risoluta, determinata a non scendere mai a compromessi. Quando comincia a collaborare con il giornale locale ha bisogno dell’aiuto di una vera cuoca per occuparsi della rubrica "Consigli per la casa". Stringendo amicizia con la domestica Aibileen, Eugenia si accorge delle continue ingiustizie subite dai neri. Decisa a denunciare i soprusi delle donne di colore, la ragazza inizia ad incontrare di nascosto sia la colf che la sua amica Minny per scrivere i loro racconti e le loro confessioni. Il rischio di essere scoperte e licenziate frena l’entusiasmo (e quindi la disponibilità) delle altre domestiche. Quando una loro amica e collega, però, viene arrestata e quasi uccisa di botte, tutte le donne della comunità afro-americana saranno disposte a dare la propria versione dei fatti. Quello che inizialmente sembrava un progetto senza speranza, si trasforma in una ribellione quotidiana portata avanti con coraggio e costanza.


Candidato ai Golden Globe con ben 5 nomination, The Help non può certo passare inosservato: parla alle comunità in difficoltà (di qualsiasi colore e di qualsiasi razza) ma fa appello anche alla coscienza e, inutile nasconderlo, alla colpa globale. Il merito maggiore di Tate Taylor, è indubbiamente quello di narrare una storia difficile e drammatica senza cedere alla stucchevole lacrimosità che ha contraddistinto pellicole di argomento simile. I drammi delle protagoniste vengono raccontati con il sorriso (amaro) sulle labbra, condivisi con persone che antepongono l’affetto sincero alla pietà. Gli incontri clandestini di donne che non condividono gli ideali e i valori della società dominante, servono a dimostrare che generazioni diverse, mondi differenti, culture contrastanti, hanno bisogno del dialogo per affermare la propria validità. E mentre il modello delle domestiche afroamericane si prende la sua rivincita, le donne iniziano a farsi spazio nella società, affermandosi non solo come mogli e madri, ma anche come intelligenti lavoratrici capaci di sostenere la famiglia con le proprie forze. Magistrali le interpretazioni delle protagoniste: la divertente Viola Davis (Innocenti bugie), la razionale Octavia Spencer (A cena con un cretino), e la timida e impacciata Emma Stone (Easy Girl). La vera eroina di tutto il film, però, è Jessica Chastain (The Three of Life), bravissima e commovente nell'interpretare una donna che maschera la propria fragilità dietro ad un’appariscenza, troppo spesso, imbarazzante. Tate Taylor si dimostra capace di confezionare una pellicola drammatica e toccante che, facendo appello ai buoni sentimenti, tocca le corde del cuore degli spettatori, di qualunque colore essi siano.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder