facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il buono, il matto, il cattivo

11/16/2011 11:00

Roberto Semprebene

Recensione Film,

Il buono, il matto, il cattivo

Il titolo dato al film di Kim Jee-won contiene tutti gli indizi utili ad inquadrare un'opera decisamente sopra le righe: si tratta di un chiaro omaggio agli Spa

15441-.jpeg

Il titolo dato al film di Kim Jee-won contiene tutti gli indizi utili ad inquadrare un'opera decisamente sopra le righe: si tratta di un chiaro omaggio agli Spaghetti Western di Sergio Leone, dal quale è ripreso anche il canovaccio e alcune situazioni fra le più note, condito con degli elementi di estremismo sia estetico che contenutistico, che potrebbero essere classificate come follie vere e proprie.


Siamo in Corea, più precisamente in Manchuria, agli inizi del 1900, sotto l’occupazione giapponese. La mappa di un presunto tesoro viene venduta ad un banchiere giapponese da un ricco faccendiere coreano, che intende però recuperarla ingaggiando il temibile killer Manchuria Kid (Byung-heon Lee) e la sua banda. Il bandito arriva a fermare un treno per compiere la propria missione, ma si trova a contendersi il possesso della mappa con il cacciatore di taglie Park Do-Won (Woo-sung Jung) - per la verità più interessato allo stesso criminale - e con un inaspettato outsider, il ladro di polli Yoon Tae-go (Kang-ho Song), improvvisatosi bandito e rocambolescamente impossessatosi dell’oggetto tanto desiderato. Inizia così una folle sequela di inseguimenti e sparatorie in giro per la Corea, che vedrà coinvolte le più disparate bande di malavitosi, criminali, mercenari, spie e persino l’esercito giapponese.


Se l’ispirazione tratta dai film di Leone è - come detto - più che marcata, altrettanto forte è la cifra stilistica adottata: sequenze d’azione e sparatorie platealmente inverosimili, una recitazione caricata e stereotipizzata, dialoghi e monologhi fortemente retorici, situazioni comiche surreali, ambientazioni che a tratti ricordano i villaggi di Tatooine in Star Wars e colori saturi e vivaci che rimandano ad un’estetica da anime. È proprio considerando questo film come una sorta di opera d’animazione che se ne possono, se non apprezzare pienamente, quanto meno accettare gli eccessi e i limiti, fra i quali una durata che raggiunge le due ore e venti. Una nota di colore (ulteriore) è data dalla simpatica colonna sonora, che presenta alcuni brani abusatissimi, ma anche per questo si adatta bene al film e accompagna in modo divertente la visione. Il buono, il matto, il cattivo è un film curioso, per certi versi affascinante, troppo semplice nell’intreccio, bizzarramente citazionista, poco approfondito nello studio dei dialoghi per avvincere pienamente, e probabilmente davvero apprezzabile solo a partire da un background culturale che non appartiene allo spettatore occidentale medio.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder