facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

L'esorciccio

11/15/2011 11:00

Marco D'Amato

Recensione Film,

L'esorciccio

Caposaldo assoluto della commedia trash italiana, nominato anche da Fantozzi tra le turpi pellicole che il direttore era costretto a vedere sui ceci dopo aver f

15401-.jpeg

Caposaldo assoluto della commedia trash italiana, nominato anche da Fantozzi tra le turpi pellicole che il direttore era costretto a vedere sui ceci dopo aver fatto passare ai dipendenti l’ennesima nottata in bianco, L’esorciccio è la parodia a base di aglio e peperoncino de L’Esorcista, capolavoro horror di William Friedkin che aveva visto la luce due anni prima.


La vicenda ruota intorno a un amuleto dai poteri diabolici rinvenuto durante degli scavi in Iran. L’amuleto finisce tra le mani del figlio di Pasqualino Abate (Lino Banfi), sindaco di un paesino vicino Roma, che ottiene una forza sovrumana e una libido sproporzionata: il sindaco ricorre alle cure dell’Esorciccio che libera il ragazzo dalla possessione ma l’amuleto passerà prima alla figlia di Pasqualino, poi alla moglie e a Pasqualino stesso, prima di venire inghiottito dall’Esorciccio che si trasforma in un demone.


Ciccio Ingrassia, orfano di Franco Franchi (a cui dedica una frecciata nel corso del film prendendo a calci un caratterista che ne fa l’imitazione) con il quale aveva litigato qualche anno prima, scrive il soggetto, dirige e interpreta una commedia surreale e sui generis, che ebbe una notevole fortuna all’epoca (era il 1975), mentre oggi accusa notevolmente i segni del tempo. Il regista scelse di girare nella sua vera villa, a dimostrazione della povertà di mezzi concessi dalla produzione al noto comico siciliano. La verve di un Banfi decisamente sopra le righe e alcune scene memorabili fanno di questo film una commedia cult degli anni ’70: ad anni di distanza però spezzoni come quello dell’esorcismo o della barbuta Didi Perego (moglie di Banfi nella finzione) difficilmente possono strappare più di un timido sorriso, e Ubaldo Lay che parodia il suo tenente Sheridan è ormai preistoria. Per gli aficionados della commedia all'italiana.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder