facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Paranormal Activity 2

11/13/2011 11:00

Erika Pomella

Recensione Film, Paranormal Activity,

Paranormal Activity 2

Nel 2007 Oren Peli aveva portato sul grande schermo Paranormal Activity, horror che raccontava il fatale destino di Micah e Katie, due fidanzati californiani tr

15361-.jpeg

Nel 2007 Oren Peli aveva portato sul grande schermo Paranormal Activity, horror che raccontava il fatale destino di Micah e Katie, due fidanzati californiani trasferitisi in una nuova villa, che subiscono gli inquietanti attacchi di un demone legato a Katie fin dall’infanzia. Nel 2010, Tod Williams – regista del film drammatico The Door in the Floor – sbanca nei cinema di tutto il mondo con Paranormal Activity 2, che cronologicamente anticipa gli eventi della prima pellicola.


Kristi (Sprague Grayden), sorella minore di Katie (Katie Featherston) vive in una villa con il marito Daniel (Brian Boland), la figliastra Ali (Molly Ephraim), e il piccolo Hunter (William Juan Prieto). Un giorno, rientrando, trova l’appartamento sottosopra e, convinta di avere a che fare con dei delinquenti, lascia che Daniel metta delle videocamere in giro per la casa. L’occhio implacabile delle macchine da presa registra strani ed inspiegabili eventi, che spaventano Ali e Kristi, ma che vengono sminuiti dal cinico Daniel. Tutto cambia quando Kristi scivola in uno stato catatonico: a quel punto anche Daniel dovrà fare i conti con il proprio scetticismo, e fare una scelta: credere, o perdere sua moglie e suo figlio.


Ancora in stile mockumentary, con macchine a mano e (false) riprese amatoriali, Paranormal Activity 2 è chiaramente il figlio della pellicola che l’ha preceduto. Nonostante il cambio alla regia, il secondo episodio delle vicende di Katie e Kristi gioca con gli ingranaggi che avevano già funzionato: il vero orrore non proviene tanto da entità mostruose e scene splatter, quanto dalla riproposizione della realtà in una sua visione più sinistra. Elementi comuni e d’uso quotidiano vengono investiti da un’aura inquietante e perturbante, per usare un termine caro a Freud. Il senso di familiarità e insieme di paura che si prova davanti alle immagini di una villa immersa nel silenzio è l’elemento più riuscito della pellicola, che pone l’accento sull’attesa dello spettatore, e alimenta lo stato d’ansia e di tensione per la manifestazione di fenomeni inspiegabili. Meno riuscito della prima pellicola, e meno spaventoso, il film di Todd Williams ha il merito di creare tra i due un nesso logico ed intelligente, spiegando, attraverso gli indizi seminati nell'arco del racconto, situazioni irrisolte del film di Peli.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder