facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

27 volte in bianco

04/14/2009 10:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film,

27 volte in bianco

Meglio mettere subito le mani avanti: l'equivoco titolo italiano, che potrebbe far pensare a 110 minuti di disavventure sessuali dei protagonisti, è ambiguo que

3601-.png

Meglio mettere subito le mani avanti: l'equivoco titolo italiano, che potrebbe far pensare a 110 minuti di disavventure sessuali dei protagonisti, è ambiguo quel tanto che basta per attirare in sala più gente possibile. La titolazione originale (27 Dresses), sicuramente più pertinente, fa riferimento al numero di abiti da damigella della giovane protagonista (Katherine Heigl), ragazza dall'altruismo morboso e dall'ossessione per i matrimoni, per la loro organizzazione e per tutto il corollario di sentimenti ed emozioni che a parer suo veicolano. La sua vita sarà scovolta nel momento in cui dovrà organizzare il matrimonio della sorella (Malin Åkerman) con il suo capoufficio (Edward Burns) del quale è segretamente innamorata; mentre a complicare ulteriormente le cose sarà il rapporto con un cronista rosa (James Marsden), deciso a fare un articolo su di lei nel suo vendutissimo (sic!) giornale.


Dalla ricerca di brillantezza e ironia, 27 volte in bianco sembra piuttosto abbandonarsi con faciloneria al filone americano della commedia sentimentale: umorismo corrosivo, satira pungente – e più o meno veemente – dei costumi più radicati della società. Quello che avrebbe dovuto essere il punto di forza del film si palesa appena in qualche battuta di spirito sui matrimoni. Uno dei punti cardine della promozione del film è la presenza di Aline Brosh McKenna, promettente sceneggiatrice rivelatasi al mondo soprattutto grazie a Il diavolo veste Prada. Il suo nuovo lavoro però, anziché confermarne le potenzialità intraviste, rischia di far riconsiderare la sua opera precedente: il successo di quel film derivava veramente – oltre che dagli attori – dalla sceneggiatura? Oppure i meriti dovevano essere spartiti in maniera meno egualitaria?


Naturalmente, poi, procedendo a oltranza con questi ragionamenti si arrischia di finire in una sterile dietrologia: limitiamoci ad osservare che, senza grandi attori che esaltino anche ogni virgola di sceneggiatura (la recitazione qua è scolastica, nel migliore dei casi), quello che ci rimane è un film privo di personalità, di quelli che nemmeno riesci a odiare con forza, proprio a causa (o in virtù?) di ciò. Tutte le buone intenzioni rimangono, per l'appunto, intenzioni, che si abbandonano presto per virare su personaggi scialbi, dinamiche incomprensibili, e vaghi, vaghissimi echi di Hawks e Minnelli.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder