facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

A better tomorrow II

03/29/2008 11:00

Francesco Massaccesi

Recensione Film, Azione, Arti Marziali, John Woo,

A better tomorrow II

1987: i moderni guerrieri di John Woo alla ricerca di un domani migliore ritornano in azione dopo un anno esatto dai tragici eventi conclusisi nella baia di Hon

911-.jpeg

1987: i moderni guerrieri di John Woo alla ricerca di un domani migliore ritornano in azione dopo un anno esatto dai tragici eventi conclusisi nella baia di Hong Kong.


L’ex criminale Ho Sung, appena uscito di galera, ha concluso il suo conflitto etico e generazionale con Kit, il fratello poliziotto che nello scorso capitolo non gli perdonava la morte del padre.


I destini dei due si incrociano di nuovo all’interno della società dello “zio” Lung, un altro gangster pentito che ha dato lavoro a Ho, ma che è comunque sorvegliato da un Kit sotto falsa identità, poiché forse implicato in nuove attività criminose.


Incastrato dal socio con un’accusa di omicidio, gli eventi per Lung precipitano, costringendolo a rifugiarsi in America e facendolo letteralmente impazzire; riportato alla ragione dal cuoco Ken, fratello gemello di Mark Gor (il gangster amico di Ho nel primo film), e unitosi con lui ai fratelli Sung, il gruppo si farà giustizia, a tutti i costi..


Travagliatissimo seguito del cult A Better Tomorrow, il film è stato segretamente girato metà da Woo e metà da Tsui Hark, all’epoca in rotta col regista, dal quale si sarebbe poi separato poco tempo dopo per girare il prequel A Better Tomorrow 3.


E’ molto sottile e palpabile la linea che divide nel film lo stile dei due cineasti, e questo rende la pellicola decisamente irrisolta, con una prima parte tranquilla ma quasi incolore, salvo poi esplodere in un finale che nella sua violenza disperata –tre uomini contro cento- richiama il Peckinpah del Mucchio Selvaggio.


Si è persa l’estetica elegante del primo capitolo, a detta di Woo perché stava rendendo troppo carismatica la figura del criminale per i giovani, e i protagonisti non sono più samurai (termine forse un po’ fuori fase, essendo i samurai giapponesi) con la pistola, ma uomini che vivono spesso sotto le possibilità umane.


Inoltre, l’interpretazione sottotono e a volte quasi ridicola di Chow Yun Fat, insieme al montaggio un po’ sballato, essendo il film originariamente di quasi tre ore, non rendono certamente un’impressione più positiva di questo sequel; certamente un buon film d’azione, ma decisamente sottotono rispetto agli standard di John Woo e del cinema di Hong Kong del periodo.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder