facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Piano9logobianco
Piano9logobianco
Sisnero

CONTATTI

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

A morte Hollywood!

03/29/2008 11:00

Giacomo Ferigioni

Recensione Film,

A morte Hollywood!

Chiunque si sia avvicinato a questo film, molto probabilmente ha tenuto conto del nome del regista...

821-.jpeg

Chiunque si sia avvicinato a questo film, molto probabilmente ha tenuto conto del nome del regista. Perché John Waters sicuramente rifugge dal concetto di normale cineasta, ed è probabilmente il più conosciuto nel panorama, così lo si definisce, del cinema indipendente. E questo film riflette pienamente il suo spirito anarchico e chiassoso, fin troppo.


Ma andiamo per ordine: la trama racconta la storia di un branco di "estremisti cinefili" - con i nomi dei loro registi marchiati a fuoco su variegate parti del corpo - che lavorano al servizio di Cecil B. DeMented (Stephen Dorff), pazzo regista indipendente. Questo sgangheratissimo gruppetto è determinato a girare un film: decidono quindi di rapire una delle star più famose di Hollywood (Melanie Griffith) e di costringerla a prendere parte al folle piano.


Come già detto, il film trasuda dello stile di Waters, ed è difficile distinguere gli effettivi difetti dell'opera da quelli che sono semplicemente "aspetti" della poetica del regista, autore che mai si è preoccupato di piacere alle grandi masse. E il film è animato da una certa anarchia che, se all'inizio può risulta simpatica, ad un certo punto scade nell'autoindulgenza e comincia a diventare indigeribile: attori perennemente sopra le righe che danno la continua idea di improvvisare su una sceneggiatura inesistente, gags generalmente poco divertenti. Si potrebbe dire che A morte Hollywood! risenta della sua natura stessa, del suo voler essere diverso a tutti i costi, e in molti momenti sembra più un esperimento in corso che un film compiuto. Certo, alcune scene sono azzeccatissime (come le richieste d'aiuto di Cecil ai vari cinefili di nicchia, o le riprese di un improbabile seguito di Forrest Gump), ci sono molte strizzatine d'occhio ad un pubblico cinefilo, la colonna sonora, curata in parte da Moby; ma tutt'al più si può considerare un film con qualche momento simpatico, che nel complesso risulta però risulta poco digeribile ed eccessivo.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Il sito nasce dalla nostra passione smisurata per il cinema e dal lavoro duro della nostra redazione, di chi scrive, di chi edita gli articoli, di chi segue la parte tecnica, il canale YouTube, i social e tutti i contenuti che Silenzioinsala.com produce (da anni e anni e anni).

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder