facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

​CONTATTI

MENU

NEWS

​CONTATTI

MENU

NEWS

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

CONTENUTI IN EVIDENZA

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

Punk e a capo: il Torino Film Festival fra retrospettive e anteprime

2017-02-13 17:44

Valentina Pettinato

Articoli, Festival,

Al via l'edizione numero 34 del Torino Film Festival, ancora sotto la guida di Emanuela Martini

Ci siamo. La 34ma edizione Torino Film Festival è alle porte e promette bene. Intanto con una dedica al punk che passa per una decina di titoli che ne ripercorrono la storia (da Jubilee di Derek Jarman, sulla ribellione londinese a Sid & Nancy di Alex Cox). Tanti gli ospiti, tra cui Paolo Sorrentino, Nanni Moretti, Roberto Bolle, Gabriele Salvatores e Denis Lavant, per dirne alcuni. E tanti, soprattutto, i film attesi.


Cominciamo con i numeri: 46 lungometraggi, tra opere prime e seconde; 43 anteprime mondiali; 25 anteprime internazionali; 8 anteprime europee e 73 anteprime italiane. L’apertura, il 18 novembre, quest’anno è affidata a Between us di Rafael Palacio Illingworth, un indie americano; mentre a chiudere il Festival, il 26 novembre, sarà Free Fire di Ben Wheatley, con Brie Larson, Cillian Murphy e Arnie Hammer. Super attesi Sully di Clint Eastwood con Tom Hanks e Absolutely Fabolous: The Movie di Mandie Fletcher. Gli amanti del cinema potranno poi godere di tanti capolavori proiettati durante i giorni del Festival, come Intolerance, splendida pellicola di David Wark Griffith. Il Festival, diretto per la terza volta da Emanuela Martini, ha in cartellone anche gli italiani: come l'esordiente Andrea De Sica (figlio di Manuel e nipote di Vittorio), unico italiano in concorso; Slam - Tutto per una ragazza di Andrea Molaioli; La felicità umana di Murizio Zaccaro; Steve Della Casa con Nessuno ci può giudicare; Daniele Segre con Nome di battaglia donna e Alessandro Maria Buonuomo che porta il poeta Guido Catalano per la prima volta sullo schermo con Son Guido e non guido.


iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/B-1Jmbxn9dk" frameborder="0" allowfullscreen/iframe


Ricca anche la sezione Festa Mobile, con il meglio che proviene dai Festival internazionali. Come l'attesissimo Elle di Paul Verhoeven e A Lullaby To The Sorrowful Mystery di Lav Diaz. Le altre sezioni sono After Hours, dedicata ai film horror, noir, di fantascienza; Onde, dedicato alle opere innovative e wTFF doc, al cinema documentario. David Bowie, oltre ad essere protagonista del manifesto del festival, sarà omaggiato con la riproposizione di Furyo di Nagisa Oshima. Presidente della giuria del concorso Torino 34 è uno dei più grandi direttori della fotografia: Ed Lachman, che ha lavorato con registi del calibro di Soderbergh, Wenders, Coppola. Il Gran Premio Torino sarà assegnato quest'anno a Christopher Doyle, direttore della fotografia australiano.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder