​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

L'ultima notte

2019-05-15 10:00

Emanuela Di Matteo

Recensioni Film,

L'ultima notte

Un thriller familiare a fosche tinte

53781-.jpeg

Il nuovo lungometraggio di Francesco Barozzi, che segue Tempo vivo tempo morto del 2014, è un thriller a fosche tinte che racconta di come la famiglia possa essere teatro di orrori e una trappola mortale. Il regista modenese ama guardarsi attorno, interpretare la realtà sociale e familiare che ci circonda, parlare di grandi temi attraverso i piccoli segnali che il destino o il caso ci lasciano intravedere. Da un trafiletto di giornale passato quasi inosservato, il regista ha preso un fatto di cronaca reale, avvenuto nella provincia di Modena, per restituirlo alla vita e allo sguardo pubblico, spesso assente o distratto. Di fronte ai corpi senza vita la domanda rituale è spesso: come è potuto accadere? L'Ultima Notte risponde alle domande, colmando con la fantasia i dubbi irrisolti e donando una profonda umanità a ogni personaggio - carnefice o vittima - fino a che i contorni fra un ruolo e l'altro sono sempre meno definiti.


Bea (Beatrice Schiros), dopo la fine dell'amore con la sua compagna e la perdita del lavoro, decide di ritornare nel vecchio casolare di famiglia, dal quale si era allontanata molti anni prima, lasciando due fratelli, un padre violento e situazioni amare. Convinta che i decenni trascorsi, le esperienze e la maturità rendano tutto diverso e rimediabile, si ritroverà invece di fronte a un passato che non è mai morto.


Grazie alla bella fotografia di Nicola Xella, livida, grigia, appannata, la casa si trasforma in un luogo degno dei peggiori incubi. Il cast è di prim'ordine, dalla protagonista Bea, affiancata alla sottomessa e mai cresciuta Emi (Francesca Turrini) e al fratello Franco, Giuseppe Sepe, che nel film dà prova di rara bravura con una recitazione emotivamente trattenuta che lascia intravedere umanità solo a sprazzi.


Animali impagliati e vermi che sbucano dappertutto simboleggiano la putrescenza malvagia di alcune situazioni abbandonate, nell'indifferenza della collettività: la morte di qualsiasi speranza di rigenerazione. L'Ultima Notte è un film intenso, calibrato, dietro il quale si percepisce un grande e difficile lavoro, rispettoso della verità e dell'unica persona sopravvissuta alla reale strage da cui la vicenda è tratta, accaduta solo pochi anni prima.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder