​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

A un metro da te

2019-03-21 11:00

Marcello Perucca

Recensioni Film,

A un metro da te

Una delicata e struggente storia d’amore fra le corsie di un grande ospedale

53421-.jpeg

A un metro da te, del regista Justin Baldoni, tratto dal romanzo omonimo di Rachael Lippincott, è una delicata e struggente storia d’amore che prende forma fra le corsie asettiche di un grande ospedale. Ne sono protagonisti Stella Grant e Will Newman, due diciassettenni affetti da fibrosi cistica, grave malattia degenerativa di origine batterica che colpisce l’apparato respiratorio e che richiede pesanti e continue terapie farmacologiche che vanno a influire negativamente sulla vita sociale e relazionale dei soggetti colpiti. Così per Stella e Will la malattia diventa un ostacolo apparentemente insormontabile per coltivare quell’attrazione reciproca che provano sin dal loro primo incontro: come tutti i malati di fibrosi cistica, non possono avere contatto fisico in quanto l’eventuale trasmissione di agenti patogeni potrebbe diventare letale. Non possono toccarsi, prendersi per mano né baciarsi. Devono rimanere costantemente a una distanza di sicurezza l’uno dall’altra, come suggerisce il titolo del film. Nonostante ciò, il loro amore cresce di pari passo alle avversità e la forza che i due giovani ne traggono permetterà loro di sentirsi vivi, trovando il coraggio di continuare a lottare contro una malattia che non lascia molte speranze se non si arriva a un trapianto di polmoni.


Raccontata così, la trama parrebbe una delle tante pellicole d’amore: invece il film di Baldoni, destinato soprattutto a un pubblico giovane, è serio e per nulla convenzionale, capace di trasmettere allo spettatore emozioni vere, portandolo a ragionare su come un sentimento forte come quello che nasce e si consolida fra Stella e Will possa manifestarsi anche in condizioni estreme come quelle in cui i due ragazzi si trovano, laddove ci si aspetta di doversi confrontare sempre e solo con la malattia e con la morte.


Haley Lu Richardson, che interpreta Stella, e Cole Spruse, che dà volto e corpo a Will, sono calati nella parte e riescono a rendere bene l’atmosfera di dolore e speranza che si respira nell’ospedale, grazie anche alla sceneggiatura di Mikki Daughtry e Tobias Iaconis. Richardson e Spruse, quest’ultimo volto noto ai teenager avendo interpretato la serie tv di successo Riverdale, sono bravissimi nel dare vita a due adolescenti che, al di là delle loro reciproche sfortune, sono esattamente come tutti i ragazzi della loro età, con l’immensa voglia di dare libero sfogo ai sentimenti e alle emozioni tanto da riuscire a superare le barriere fisiche imposte dalla malattia.


Libro e film, la cui uscita in sala è prevista per il 21 febbraio, sono dedicati a tutti i pazienti, alle famiglie e alle equipe mediche che ogni giorno combattono contro questa malattia e rappresenteranno di sicuro un valido aiuto per comprendere cosa significhi dover convivere con tale malattia e che, con la forza della volontà, è possibile non lasciarsi sconfiggere da essa.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder