​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il mangiatore di pietre

2018-11-28 11:00

Marcello Perucca

Recensioni Film,

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre: il primo lungometraggio di fiction del documentarista Nicola Bellucci

52221-.jpeg

Il mangiatore di pietre, tratto dall’omonimo romanzo di Davide Longo e presentato al 36° Torino Film Festival nella sezione “Festa mobile”, è il primo lungometraggio di fiction del documentarista Nicola Bellucci, che ne ha curato anche la sceneggiatura insieme a Hans Geissendörfer e Marco Colli. Cesare (Luigi Lo Cascio) vive sui monti della Val Varaita, in Piemonte. È conosciuto da tutti come “Il francese”, perché in passato ha vissuto nel paese transalpino. Una volta tornato alle sue montagne, rimasto vedovo, Cesare ha intrapreso un’attività molto rischiosa: quella del passeur. Negli anni, attraverso i valichi alpini, ha contrabbandato di tutto, aiutando inoltre numerosi clandestini a espatriare. Da quando, però, la merce da trasportare ha iniziato a essere la droga, Cesare ha deciso di smettere e di ritirarsi nella sua baita con il cane Micol, vivendo di lavori estemporanei e intagliando il legno. Non ha molti amici, uno di questi è Ettore (Bruno Todeschini), piccolo imprenditore locale e anche lui ex passeur. Un giorno Cesare scopre nel vicino torrente il cadavere di Fausto, il figlioccio al quale aveva trasmesso “il mestiere” e che aveva perso di vista dopo che questi aveva accettato di trasportare ciò che lui si era sempre rifiutato. Evidentemente si tratta di omicidio, e le indagini condotte dal commissario Sonia Di Meo (Ursina Lardi) portano a sospettare Cesare, sino a quando la donna si convincerà della sua innocenza. Nel frattempo apprendiamo che l’ultima missione di Fausto avrebbe dovuto essere quella di aiutare un gruppo di migranti clandestini, uomini, donne e bambini, a varcare il confine. Abbandonati al loro destino in una baita in mezzo alla neve, i migranti vengono scoperti da Sergio (Vincenzo Crea), un giovane del posto che vive con il padre autoritario e che decide di aiutarli e condurli in Francia, superando le difficoltà di una traversata in condizioni climatiche estremante difficili. Per fare ciò chiede aiuto a Cesare il quale, dapprima riluttante, cede e si lascia convincere ad aiutare il giovane.


Il film è incentrato sulla figura di Cesare, montanaro solitario che si porta dietro un doloroso passato e ai rapporti complessi fra i vari personaggi, fatti di odi, rancori, amicizie ormai finite. Lo script del film ricalca molto quello del testo letterario dal quale è tratto, fatto di frasi brevi, secche. Il non detto, dal quale lentamente trapelano episodi del passato, che permettono alla storia di svelarsi, è decisamente più di ciò che viene esplicitato. Ma forse è proprio questo il limite del film, unitamente alla scarsa definizione di alcuni personaggi come, ad esempio, il mafioso interpretato da Peppe Servillo. Un film che non appassiona come dovrebbe e che non convince a pieno; anche se lo scenario delle montagne innevate e la bellezza selvaggia di quei luoghi, veri co-protagonisti del film, certamente aiutano. Il mangiatore di pietre è un thriller che utilizza il delitto come scusa, come strumento per raccontare le persone e tutta una comunità. Ma, alla fine, fatica a farlo, scadendo nella retorica del montanaro chiuso e scontroso, come le montagne che gli fanno da cornice.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder