​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Black Tide

2018-11-19 11:00

Andrea Desideri

Recensioni Film,

Black Tide

Una tela ben organizzata che irretisce lo spettatore col giusto grado di pathos e tensione

51521-.jpeg

Il giovane Dany scompare improvvisamente. Francois Visconti, controverso capo della Polizia con un’intricata storia familiare alle spalle, prende in mano il caso e organizza le ricerche: l’indagine si rivela complessa e l’uomo coglie l’occasione per riflettere circa il suo ruolo di istituzione e di padre, essendo coinvolto emotivamente in entrambi. Da un lato investe anima e corpo per trovare Dany, dall’altro trascura il figlio sedicenne, Denis, che rischia di restare invischiato in un brutto giro di droga.


Erick Zonca riadatta il best seller The missing file di Dror Mishani e porta al cinema un thriller dalle tinte noir che ha per oggetto i giovani e il rapporto padri-figli. Emerge la figura di un uomo, Francois Visconti, combattuto ed eternamente in lotta: il ruolo istituzionale e il vissuto burrascoso sono spesso in contrasto, in particolar modo se c’è da indagare sulla scomparsa di un ragazzo. Allora può capitare che lavoro e famiglia si sovrappongano, con un prezzo troppo alto da pagare.


Black tide mescola affetti e nemici con parsimonia, fino a comporre una tela ben organizzata che convince lo spettatore col giusto grado di pathos e tensione. Vincent Cassel restituisce in maniera pregevole le paturnie e i demoni di Visconti, assicurando il ritratto di un uomo disperato. Sporco, alcolista, maleducato.


Black tide, grazie alla struttura a incastro, riesce a toccare più di un tema: si passa dall’omosessualità all’incesto, sviscerando il sesso nei suoi lati più torbidi senza calcare troppo la mano. Quel che resta è l’angoscia e l’intrigo che presta il fianco alla violenza, affatto smodata, piuttosto calibrata a seconda dei livelli nell’intreccio narrativo. Valore aggiunto è la fotografia di Paolo Carnera, che ha già firmato progetti importanti, tra cui Gomorra - La serie.


L’opera è un insieme di scelte azzeccate, leggermente trascurata nel montaggio, ma non per questo meno godibile. Non può dirsi adatta a ciascun tipo di pubblico, in quanto – concettualmente e tecnicamente – il thriller francese sta percorrendo una strada particolare: si preferisce puntare sull’irriverenza dei dettagli piuttosto che sulla cruentezza dei gesti violenti. Una scazzottata fine a se stessa non porta a nulla, Zonca vuole indagare e restituire il degrado e l’indolenza di determinate vicende. Allora gli ambienti, le situazioni, i risvolti psicologici dietro a ogni azione divengono fondamentali. Un eterno gioco delle parti dove nessuno è infallibile, preponderante è l’assenza di eroi contrapposta alla ricerca di verità: l’essenziale sta nell’umanità piuttosto che nella virtù. E gli umani sono, il più delle volte, fallibili. Black tide è l’epopea dell’insolvenza umana che cerca riscatto ripartendo dalla quotidianità. Tutto infarcito con l’incalzante ritmo delle storie avvincenti, in cui ogni sparo diventa l’anticamera di una disfatta.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder