facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

MENU

​CONTATTI

NEWS

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

CONTENUTI IN EVIDENZA

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

Un figlio all'improvviso

2018-08-31 10:00

Samantha Ruboni

Recensioni Film,

Un figlio all'improvviso

Il primo lungometraggio dell'attore teatrale Sèbastien Thièry

50281-.jpeg

Dopo uno strano incontro al supermercato, la signora e il signor Prioux trovano un tale in casa che dice di essere loro figlio. Patrick (Sèbastien Thièry) è sordo e comunica come può con gli improvvisati genitori. La coppia ha sempre desiderato un figlio, ma non ha mai potuto averne, e per la signora Prioux (Catherine Frot), Patrick sembra un miracolo caduto dal cielo. Ma la questione solleva anche molti scheletri nell'armadio: i due non hanno mai davvero avuto figli? Sono sempre stati fedeli?


La commedia è il primo lungometraggio di Sèbastien Thièry, interprete e famoso regista teatrale. La pellicola è infatti tratta dalla sua fortunata pièce teatrale Momo, riadattata per il grande schermo. Andrè (Christian Clavier) e Laurence (Catherine Frot) sono una coppia di mezza età agiata nella loro routine quotidiana. L'incontro con Patrick, sordo, abbandonato da piccolo in un orfanotrofio dai suoi veri genitori per il suo handicap, scombinerà i loro equilibri. L'amore materno di Laurence viene a galla, amore che non ha mai potuto sfogare a causa della sua infertilità, e che vuole donare a Patrick senza sapere chi sia realmente. Non dello stesso avviso è Andrè, che considera Patrick un truffatore e manipolatore, e vuole che se ne vada immediatamente. La vicenda porterà a galla situazioni ormai dimenticate da tempo, fino a una vera e propria crisi, che permetterà alla coppia di crescere e di poter così creare una nuova famiglia fuori dall'ordinario.


Un figlio all'improvviso è una commedia dell'assurdo, mixata con elementi da slap stick comedy e un po' di attualità. Le tematiche portate avanti - la famiglia non convenzionale, la maternità e l'handicap - vengono sviluppate da Thièry con leggerezza... forse troppa. I personaggi vacillano: fin dal primo incontro tra Patrick e i suoi "genitori", l'uomo risulta troppo molesto anche per lo spettatore; Laurence viene rappresentata come una donna isterica e un po' tonta (per fortuna si riprende nella seconda parte del film) mentre Andrè è la caricatura dell'uomo conservatore. Le gag riescono bene solo ai personaggi minori – in primis la semplicissima ma ben riuscita gag del veterinario e tutte le trovate che hanno a che fare con il medico di fiducia – ma non abbastanza per rendere una commedia riuscita e funzionante. Alla fine la carne messa al fuoco è troppa e la sceneggiatura risulta disordinata e poco chiara. Una nota di merito è il finale, che se non altro tiene lo spettatore in attesa fino all'ultimo momento.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder