​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Fire Squad - Incubo di Fuoco

2018-07-31 10:00

Roberto Semprebene

Recensioni Film,

Fire Squad - Incubo di Fuoco

La storia dei Granite Mountain Hotshots è un war movie moderno

50151-.jpeg

Prescott, Arizona, è una delle tante cittadine della sterminata provincia americana, ma si è distinta nella storia per essere stata la sede del primo gruppo municipale di Hotshots, pompieri in prima linea nel combattere il fuoco nei boschi. L’unità in questione, i Granite Mountain Hotshots, sono rimasti purtroppo celebri anche a causa dell’incendio di Yarnell Hill, la più grande tragedia della storia dei pompieri americani dall’11 settembre in poi, che costò la vita a 19 dei 20 membri. Joseph Kosinski dirige la storia di questi 20 uomini come una sorta di war movie moderno, capace di rendere onore alla memoria degli Hotshots senza necessariamente diventare troppo agiografico. È un dato di fatto: squadre che nascono, si allenano e vivono per compiere missioni pericolose sviluppano uno spirito di corpo straordinario; ma se da una parte questo è ammirevole e invidiabile, dall’altro comporta una serie di difficoltà con il “mondo esterno”, che arriva a coinvolgere le stesse famiglie dei membri del team. Ne è decisamente consapevole, fra gli altri, Amanda (Jennifer Connelly), moglie di Eric Marsh (Josh Brolin), leader e fondatore di quelli che nel corso del film diventeranno i Granite Mountain’s Hotshots, ma che all’inizio della pellicola sono “solo” pompieri di seconda linea.


Joseph Kosinski sceglie di seguire l’evoluzione di questa squadra di pompieri mettendola in parallelo con quella del fondatore e dell’ultima recluta, Brendan “Donut” McDonough (Miles Teller), presentato all’inizio come uno scavezzacollo strafatto e ubriacone, costretto a crescere in fretta da una inaspettata gravidanza. Il rapporto fra Eric e Amanda, come anche la relazione fra Brendan, la squadra e la sua nuova situazione di padre, hanno una parte molto rilevante del film: umanizzano i protagonisti invece di descriverli solo come eroi, li rendono persone reali. La frustrazione di Amanda per un marito che ama la sua squadra come una famiglia, ma non intende darle un figlio; Brendan terrorizzato dall'essere padre, ma non da un incendio incontrollato; la sicurezza di trovare nei propri compagni un appoggio per le difficolta della vita quotidiana, così come di fronte alle fiamme: sono temi umani raccontati al pari dell’attività lavorativa di un gruppo di persone dedite alla salvaguardia del patrimonio boschivo e umano degli Stati Uniti Occidentali.


Questa commistione fra quotidianità straordinaria e straordinarietà nel quotidiano convince e appassiona lo spettatore, portandolo a empatizzare con i protagonisti e a partecipare ai successi e alle difficoltà, fino a un epilogo tragico quanto annunciato. La sofferenza di chi resta è palpabile, il senso di colpa di chi è sopravvissuto comprensibile e ingiustificato.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder