facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

​CONTATTI

MENU

NEWS

​CONTATTI

MENU

NEWS

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

CONTENUTI IN EVIDENZA

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

L'ora più buia

2018-09-17 10:00

Francesco Gregorio

Film,

L'ora più buia

L’inglesissimo Joe Wright racconta una storia tutta britannica: la battaglia di Dunkerque

47641-.jpeg

Ultima fatica dell’inglesissimo Joe Wright, già visto all’opera negli adattamenti di alcuni grandi classici della letteratura (Orgoglio e pregiudizio, Anna Karenina), L’ora più buia esce nelle sale quasi in concomitanza con Dunkirk, con il quale condivide l’ambientazione storica… e poco altro. Il film prende il via nel 1938, con la delicata fase che segna la fine della politica di appeasement del primo ministro conservatore Neville Chamberlain nei confronti della Germania nazista e la difficile fase di transizione che si concluderà con la nomina di Winston Churchill, figura tra le più rilevanti e controverse del XX° secolo, fautore di una politica all’insegna dell’intransigenza più assoluta e della coesione nazionale. Il film punta i riflettori sullo scontro politico all’interno del partito conservatore e sulle difficili scelte che l’Inghilterra di quegli anni sarà chiamata a compiere per la sua sopravvivenza tra la battaglia di Dunkerque e l’operazione Leone Marino, come era stato definito dal Furher il piano di invasione dell’Inghilterra.


L’ora più buia poggia quasi del tutto sull’interpretazione del protagonista: la prova recitativa di Gary Oldman, premiata con l’Oscar, è effettivamente notevole; come lo è il lavoro dei truccatori (in particolare Kazuhiro Tsuji, anch’esso vincitore di una Statuetta). Il suo Churchill risulta da subito assolutamente irresistibile, forse troppo. Emerge infatti nel film la tendenza a presentare il personaggio attraverso l’immagine radicata nell’immaginario collettivo contemporaneo, rivestendolo insomma di quell’aura di romanticismo posticcio già vista in numerosi film analoghi (un paio di esempi: La teoria del tutto e The Imitation Game). La tendenza, insomma, è a strizzare l’occhio al pubblico e al gusto attuale, presentando in pochi e semplici tratti la figura di Churchill - brontolone, risoluto, ironico, talvolta scorbutico - e alimentando il mito del Churchill vicino al popolo (abbastanza surreale la scena della metropolitana).


Rileggere il passato con gli occhi e le sensibilità di oggi finisce col semplificare e snaturare un’opera che risulta comunque godibile: di lati positivi il film ne ha, soprattutto perché fornisce una bella rappresentazione del sistema parlamentare inglese e delle dinamiche interne alla scena politica del periodo. Tuttavia resta la sensazione di un prodotto più adatto alla tv di consumo che al cinema, estremamente semplificato e privo del coraggio necessario.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder