facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

​CONTATTI

MENU

NEWS

​CONTATTI

MENU

NEWS

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

CONTENUTI IN EVIDENZA

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

Io sono Bruce Lee

2018-03-09 11:00

Emanuela Di Matteo

Film,

Io sono Bruce Lee

Io sono Bruce Lee, un ritratto agiografico di un mito

47081-.jpeg

Bruce Lee nacque nella China Town di San Francisco da padre cinese e madre di origine euroasiatica e fino all'età di diciotto anni visse a Hong Kong, trascorrendo l’adolescenza fra varie gang, per poi ritornare a San Francisco. Non aveva una profonda conoscenza del Thai Che, ma studiò con assiduità il Kung Fu, attratto da qualsiasi disciplina del combattimento, incluso il pugilato. Queste premesse non bastano da sole a comprendere come quest’uomo possa essere diventato il mito assoluto delle arti marziali, affascinando e travolgendo masse di persone di nazionalità diverse, divenendo un simbolo universale di forza fisica e morale. Fu regista, attore, filosofo, sceneggiatore e produttore, ma, soprattutto, fu Bruce Lee: dotato di una personalità carismatica e di una tenacia e fiducia in se stesso fuori dal comune.


Tutto questo si evince con efficacia dal documentario, decisamente agiografico, del 2012 a lui dedicato Io sono Bruce Lee, girato dal regista Pete McCormack. Vi sono filmati rari, alcuni dei quali si credevano persi e interviste a vari personaggi che parlano di lui, e ne descrivono vicissitudini e tratti caratteriali. Parlano soprattutto la moglie, Linda Lee Cadwell e la figlia Shannon; l'istruttore di JKD e amico di Bruce, Dan Inosanto e la figlia Diana Lee Inosanto. Ma anche il campione del mondo di kickboxer Robert Wall; l'ex studente di JKD di Bruce, Richard Bustillo; gli attori Mickey Rourke e Ed O'Neill, la superstar dell'NBA Kobe Bryant, Taboo dei The Black Eyed Peas, e tanti altri.


«Siate voi stessi, non cercate di copiare personaggi di successo o famosi, la vostra forza sta nell’esprimere voi stessi», era solito affermare Bruce Lee. Questa filosofia, che inneggia a realizzare la propria personalità e proclama il desiderio di vivere con pienezza la propria vita ogni momento, cercando di perseguire, senza mai arrendersi, i propri progetti e desideri, è alla base della figura dell’uomo straordinario che emerge dalle voci di chi lo ha conosciuto, e lo racconta.


Paragonato a Malcom X e ad altri grandi uomini che hanno cambiato la storia, Bruce Lee divenne simbolo di tutti gli oppressi, i discriminati, gli sfavoriti in partenza dalla sorte, coloro che hanno fatto della loro diversità un punto di forza. Infatti l’America degli anni in cui si muoveva Bruce Lee era fortemente razzista nei confronti di neri e asiatici (ancora oggi non esiste un solo divo internazionale asiatico del calibro di Bruce Lee) e molti dei suoi progetti artistici naufragarono per questo motivo. Bruce Lee era inorridito dal fatto che gli orientali, nelle produzione hollywoodiane, venissero rappresentati da attori caucasici truccati, corrispondendo a tutti i pregiudizi e gli stereotipi sui popoli orientali; desiderava mostrare al mondo la dignità e la bellezza delle arti marziali ma anche l’immenso potenziale che ognuno è in grado di esprimere quando prende in mano le redini della propria vita.


E quando Bruce Lee combatte, un’aura di magia e misticismo pervade lo schermo: perché si assiste a qualcosa di straordinario, a un uomo che continuamente travalica i limiti del possibile richiesti al suo fisico e alla sua forza di volontà, capace di trasformare una lotta in un capolavoro artistico.


Io sono Bruce Lee contribuisce a rinverdire e rafforzare la leggenda, e le parole che diventano grandi scritte sullo schermo testimoniano questa intenzione, rendendo il documentario adatto anche a bambini ed adolescenti alla ricerca di un esempio e un mito positivo, in un'era pressochè priva di tali figure. Tra le tante produzioni che hanno riguardato Bruce Lee, non si può dimenticare Dragon - La storia di Bruce Lee, un film biografico del 1993, diretto da Rob Cohen, che fa esplicito riferimento alla leggenda della maledizione che graverebbe sulla famiglia di Lee (Il figlio Brandon Lee morì in circostanze inquietanti durante la lavorazione de Il Corvo) e alla morte prematura, a soli 32 anni, dello stesso Bruce, tutt’ora avvolta dal mistero.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder