facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

​CONTATTI

MENU

NEWS

​CONTATTI

MENU

NEWS

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

CONTENUTI IN EVIDENZA

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

La babysitter

2017-11-10 11:00

Pietro Sidoti

Film,

La babysitter

Un nerd americano scopre che la sua bellissima e affettuosissima babysitter non è quel che sembra

46411-.jpeg

Un nerd americano scopre che la sua bellissima e affettuosissima babysitter non è quel che sembra. 85 minuti di commedia nera, o di horror divertente, durante i quali si conosce (appena) il protagonista: un loser anni ‘80, inserito però ai giorni nostri; ha un’amica molto carina, è pieno di soldi, ha tutto quel che un ragazzino della sua età potrebbe volere. Ha una babysitter per cui tutti lo prendono in giro, ma appena la vedono ne diventano invidiosi. I morti ci sono, e sono perfettamente inseriti dentro il contesto: il problema non sta nel numero, solo 7, ma nelle modalità di morte, forse un pò troppo violente e splatter alcune (ma anche no, visto il successo di pellicole come Saw - L'enigmista, Hostel e affini).


Dopo due Charlie’s angels, qualche documentario e Terminator salvation McG (nome d’arte di Joseph McGinty Nichol) si butta su un horror scritto da Brian Duffield (autore dei i primi due capitoli della trilogia di DIvergent): strizza l’occhio, come molti, troppi film, agli anni ‘80, citando continuamente, senza però mai raggiungere, neanche vagamente o lontanamente, il potere visivo e terrorizzante degli originali. Si potrebbe parlare quindi di un gran bell’insieme di spunti, che creano però un mappazzone; piacevole sì, ma senza lode nè infamia, che diverte, non si ferma mai, ma che non tiene mai, in tutta la durata, col fiato sospeso. Si sa già cosa succederà, a volte anche come, ma forse il vero target a cui è riferito il film (ovvero i coetanei di Cole o poco più) non conoscendo tutti gli originali potrebbero rimanere sorpresi. Anche se è ormai difficile, viste tutte le citazioni/remake/reboot/parodie dei vari Simpson, Griffin, Rick&Morty e tutte le serie animate possibili e immaginabili.


Il cast non è eccezionale ma neanche da buttare: Judah Lewis è perfetto nel ruolo del bimbo nerd-emarginato seppur a volte sia un pò troppo sopra le righe (soprattutto nelle scene horror); Samara Weaving è avvenente e anche quando diventa cattiva non si riesce a odiarla fino in fondo; Robbie Amell e Bella Thorne hanno già fatto i cattivi in The Duff e qui riconfermano le loro doti in questo ruolo. Bmovie da serata con gli amici: storia semplice, personaggi già visti, citazioni a palla, qualche giovane donna provocante, qualche giovane uomo mezzo nudo... e tutti sono felici.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder