​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

The Party

2018-02-05 11:00

Emanuela Di Matteo

Recensioni Film,

The Party

Un'altra incredibile opera dall'eclettica Sally Potter

46101-.jpeg

The Party gioca, fin dal titolo, sull’ambivalenza della parola, che in inglese indica sia «la festa», la piccola riunione fra amici per festeggiare la nomina di Janet a ministro-ombra della Salute per i labouristi, che il «partito» politico. Sarà infatti questa parola - elegante, sagace, ironica, ambigua, doppia ed equivoca - a diventare protagonista di una commedia intellettuale, divertente e vagamente noir, presentata in concorso alla 67ª edizione del Festival di Berlino e vincitrice del meritato Guild Film Prize. Cos’altro ci si poteva aspettare dall’eclettica e sensibile regista britannica Sally Potter, dopo Orlando, tratto dal libro di Virginia Woolf, e Ginger & Rosa, se non un film originale, innovativo e intelligente?


Kristin Scott Thomas è Janet, la protagonista, affiancata da un cast formidabile e tragicamente spassoso. Lei e il marito Bill (Timothy Spall) hanno invitato i loro amici per festeggiare la sua nomina politica, ma l’allegria cede quasi subito il posto all’inquietudine e la formalità scivola in un dissonante delirio. Infatti ognuno di loro nasconde un segreto, a partire dagli improbabili coniugi Patricia Clarkson, cinica e sferzante, e il naturopata tedesco Bruno Ganz. Mentre l’altra affiatata (?) coppia Emily Mortimer/Cherry Jones si prepara a dare un’annuncio, l’amico Cillian Murphy - una bomba a mano narrativa - sfoga l’ira repressa nel bagno dell’appartamento, nascondendo una pistola.


Tutto ciò che sembra inizialmente vero, si rivela diverso dal previsto. Diventa chiaro che il film ruota attorno a un concetto di verità che va via via sfilacciandosi; una verità che se è impossibile da rintracciare nella politica, lo è ancor meno nella vita privata. La scelta di girare tutto il film in bianco e nero è stata motivata dalla regista in virtù di una ricerca profonda che non lascia spazio alle distrazioni e aiuta ad astrarre le emozioni, seguendo il pensiero della scuola russa: la fotografia è infatti di Aleksei Rodionov, che già aveva curato la fotografia di Orlando. L’impostazione della commedia è teatrale, nell’unità di luogo, totalmente ambientata in uno spazio domestico. Il pensiero va a Carnage di Roman Polanski, anch’esso teatro di alterchi borghesi, capaci di tingersi sempre più di nero, trasformando la buona conversazione in una violenta rissa. Ma l'intento di Sally Potter non è teatrale e nasce da un'indagine accurata dei caratteri (degli attori e dei loro personaggi), delle loro potenzialità e alchimie. Il suo film funziona proprio come un concerto musicale: parte dall'accordo degli strumenti, per arrivare al concerto finale, dove tanti diverse sinfonie vengono messe in scena, per cercare la nota giusta che risvegli la vitalità, il divertimento e la curiosità dello spettatore.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder