​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Good Time

2017-10-25 10:00

Emanuela Di Matteo

Recensioni Film,

Good Time

Una raggelante analisi dell'impossibilità di uscire dal proprio destino

45261-.jpeg

Il film si apre con una minaccia che troverà la sua cupa realizzazione solo alla fine, in uno svolgimento circolare che si riavvolge in se stesso, lasciando senza ossigeno e senza speranza protagonisti e spettatori. I due fratelli Connie e Nick Nikas vivono a New York, nel Queens, con una vecchia nonna. Nick ha un ritardo cognitivo: non è in grado di elaborare il pensiero astratto. Ha un viso largo, liquido, lo sguardo smarrito da bambinone; è incapace di capire e di contenere la rabbia. Il fratello, Connie (Robert Pattinson, magro e stropicciato alla sua nuova prova autoriale da personaggio sofferente) gli vuole un gran bene e vorrebbe prendersene cura. Connie Nikas è sveglio, coraggioso, pronto a elaborare strategie e ad affrontare imprevisti; è persino ben educato, per essere un piccolo criminale. Non conosce di meglio che rapinare una banca, lodando e incoraggiando Nick per le sue riuscite, come farebbe un bravo fratello. Ma la rapina non va esattamente come previsto e Nick finisce in prigione e poi in ospedale. Spetterà a Connie liberarlo: in mezzo c'è la vita, cruda, reale, fatta di incontri inaspettati, assurdi errori, situazioni bizzarre, fatalità.


Due scene sono altamente simboliche in Good Time. La prima, quella in cui Connie e il suo casuale compagno di crimini Ray (Buddy Duress), si avventurano nel tunnel del terrore di un parco di divertimenti di notte, alla ricerca, al buio, di quello che per loro è un tesoro, qualcosa di buono che rappresenta il senso della loro storia. La seconda, l'inquadratura dall'alto di Connie che fugge inseguito dai poliziotti, sotto lo sguardo di Ray, senza scampo proprio come un topo in un labirinto. Ray è dipendente dalla bottiglia e dagli acidi, vittima di se stesso, inconsapevole e in qualche modo innocente, come lo sono Nick e Connie. Criminali squinternati, smarriti, stralunati. Alle loro spalle c'è sempre una nonna, oppure una mamma, maldestre e impotenti, alle quali prima o poi, toccherà telefonare. Tutti ne hanno una, persino la fidanzata di Connie, la sofferta e fragile Jennifer Jason Leigh.


Claustrofobica e raggelante analisi dell'impossibilità di uscire dal proprio destino, dalla propria condizione sociale. Una riflessione esistenziale di ampio respiro, proporzionalmente alla ristrettezza delle prospettive che si chiudono sui protagonisti. La frase iniziale «è questo che credi di essere?», pronunciata con protettiva tenerezza da Connie al fratello, è destinata a non avere risposta. Lo psichiatra riesce nel suo intento, come società vuole, di incasellare tutti al posto giusto: il ritardato insieme ai malati, il criminale in carcere. Non arriverà mai per loro il Good Time.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder