​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Renegades - Commando d'assalto

2017-10-05 10:00

Marcello Perucca

Recensioni Film,

Renegades - Commando d'assalto

Cinque Navy Seals, di stanza in Bosnia durante la guerra nell’ex-Jugoslavia

43621-.jpeg

In Renegades - Commando d'assalto un gruppo di cinque Navy Seals, la forza speciale della Marina degli Stati Uniti, di stanza in Bosnia durante la guerra nell’ex-Jugoslavia, si impegna in un’azione particolare: quella di recuperare un tesoro di lingotti d’oro trafugato dai nazisti in Francia e sommerso dalle acque di un lago formatosi a seguito del crollo della diga che i partigiani titini avevano fatto saltare. L’impresa, difficile e rischiosa, è stata richiesta loro da una giovane bosniaca, con la quale uno dei militari ha una relazione, allo scopo di recuperare i soldi necessari a sostenere la ricostruzione post-bellica del paese distrutto dal conflitto.


Il film, diretto da Steven Quale e scritto da Luc Besson, si avvale di riprese subacquee che dovrebbero essere estremamente avvincenti e costituirne il punto di forza ma che, in realtà, lasciano piuttosto indifferenti. A deludere, va detto, è tutto il film: tra situazioni al limite dell’improbabile e personaggi muscolosi (interpretati da attori senza particolari qualità recitative) che si scambiano battute scialbe, Renegades - Commando d'assalto non lascia il segno. Vediamo i nostri eroi che si lanciano con un carro armato per le strade di una Sarajevo distrutta dalla guerra, unica immagine che ci rimanda alla tragedia di quel conflitto, per poi gettarsi giù da un ponte inabissandosi nelle acque del fiume dopo aver sbaragliato nugoli di avversari. Oppure scambiarsi battute insulse e gran pacche sulle spalle, come tutti i “veri uomini” che si rispettino. Per tutta la durata del film a farla da padrona è la noia, che attanaglia lo spettatore, intendo a domandarsi il perché di un’opera simile. Peccato, perché avrebbe potuto essere l’occasione per realizzare un film che, alla tensione e alla azione, potesse unire una riflessione (o anche solo l’immagine) sul dramma che ha colpito la Bosnia nel periodo della guerra. Purtroppo non c’è nulla di tutto questo.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder