​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Le cose che verranno - L'avenir

2017-04-02 10:00

Aurora Tamigio

Recensioni Film,

Le cose che verranno - L'avenir

Un film che vibra dell'energia di Isabelle Huppert

39691-.jpeg

Nathalie (Isabelle Huppert) è un insegnante di filosofia cinquantenne, con un marito, due figli grandi e una madre anziana (Edith Scob) da accudire. La sua vita scorre ripetitiva, finché un giorno il marito la lascia e la madre muore. Costretta ad affrontare ben due lutti, di natura diversa, Nathalie trova una via d'uscita nell'amicizia con Fabien (Roman Kolinka), un ex allievo diventato scrittore.


A una prima impressione Le cose che verranno - L'avenir potrebbe sembrare il one woman show di Isabelle Huppert. Non siamo troppo lontani dalla verità, ma in effetti di donne rappresentate nel film ce ne sono almeno tre: la protagonista Nathalie, la splendida attrice che le dà corpo e la regista, Mia Hansen-Løve. Quest'ultima, talento emergente del cinema francese, trentasei anni e cinque film già diretti, si cimenta con straordinaria dimestichezza in un racconto lontano dal cinema giovanilistico delle opere precedenti (Un amore di gioventù, 2011 e Eden, 2014): stavolta il soggetto è la rinascita di una donna matura, che riesce a reinventarsi proprio come fosse nella primavera della sua vita. Dopo venticinque anni di matrimonio e cinquantacinque da figlia, Nathalie si lascia alle spalle un passato da moglie rigida, da insegnante prevedibile e da figlia affidabile, per lanciarsi all'avventura. In compagnia, perchè no, di un giovane uomo.


Le cose che verranno - L'avenir è prima di tutto la storia di una donna che si riprende la libertà di andare verso il cambiamento, invece di aspettarlo seduta. Strano ma vero, per una volta il titolo italiano è più bello dell'originale francese L'avenir: davanti a Nathalie non c'è per forza il futuro che lei aveva immaginato per se stessa, ma tutte quelle cose che ancora le devono succedere. Non c'è molto di nuovo nella trama de Le cose che verranno - L'avenir ma questa storia adulta viene raccontata con un'energia che è propria dei giovani. La combinazione rende la protagonista decisamente affascinante. Quello di Mia Hansen-Løve è un film che vibra dell'energia che solo Isabelle Huppert sa dare ai suoi personaggi. Energia erotica, un po' inquietante in Elle, che diventa sensuale e positiva in Le cose che verranno - L'avenir. L'avvertimento con questo genere di cinema è scontato: un film che si rivolge sopratutto alle donne, ma non per forza coetanee della protagonista. La Nathalie di Isabelle Huppert è un esempio, ma anche un modello per le più giovani.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder