​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Il Padre d'Italia

2017-03-02 11:00

Riccardo Tanco

Recensioni Film,

Il Padre d'Italia

Una commedia drammatica con Luca Marinelli e Isabella Ragonese

39371-.jpeg

Paolo (Luca Marinelli) è un introverso ragazzo gay di trent'anni che lavora come commesso in un negozio di Torino. Mia (Isabella Ragonese) è giovane, esuberante e incinta di sei mesi. Dopo essersi incontrati per caso in un locale, i due intraprendono insieme uno strano viaggio per l'Italia per scoprire l'identità del padre del bambino.


Quattro anni dopo l'opera prima Il sud è niente, il regista Fabio Mollo torna dietro la macchina da presa con Il Padre d'Italia scritto in collaborazione con Josella Porto, già sceneggiatrice del suo film d'esordio. Con questa seconda prova Fabio Mollo si cimenta con una commedia drammatica dai toni malinconici, evidenti sin dalle primissime battute del film e accentuati dal contrasto tra il timido e introverso Paolo di Luca Marinelli e l'incasinata Mia interpretata da Isabella Ragonese. Nella prima parte il film si concentra sulla narrazione dei caratteri opposti dei due protagonisti, che si incontrano e imparano a conoscersi, in una sorta di delicato racconto d'amicizia senza implicazioni romantiche. Tra il racconto di questa relazione un po' stramba e il road movie all'italiana, Il Padre d'Italia osserva il rapporto in divenire dei personaggi principali, dove la ricerca di un padre invisibile diventa un pretesto narrativo. Ma l'impressione è che, nonostante l'impegno del duo protagonista, il film calchi sempre di più sull'apatia emotiva e smorzi qualunque occasione di coinvolgimento; la sceneggiatura sembra quindi puntare soprattutto sul lato drammatico, che viene così caricato oltremodo. Il Padre d'Italia mostra il desiderio di costruirsi una propria identità ma finisce solo con accennare, intavolare i discorsi per poi lasciarli debitamente in sospeso, senza che nessun tema in particolare venga privilegiato o diventi valore aggiunto nella scrittura.


Fabio Mollo sembra dover ancora lavorare sulla messa in scena e su un approccio registico che resti davvero attaccato ai personaggi, cimentandosi magari anche con tentativi di stile più audaci. Ciò che emerge ne Il Padre d'Italia è invece uno sguardo enfatico, che dal già citato dramedy/road movie si sposta a un più modesto racconto di formazione sulla responsabilità e sulla necessità di trovare se stessi e la propria strada.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder