​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Per mio figlio

2016-12-10 11:00

Eleonora Piazza

Recensioni Film,

Per mio figlio

L’incapacità di elaborare un lutto come ossessione

38061-.jpeg

L’incapacità di elaborare un lutto come ossessione. La storia di Diane (Emmanuelle Devos) e della sua rincorsa senza tregua verso la verità è raccontata in Per mio figlio, nuova pellicola drammatica del regista svizzero Frédéric Mermoud, vincitore del Variety Award al Festival di Locarno 2016. Diane ha perso il figlio in un incidente stradale e da mesi è sulle tracce dell’autista scappato via senza prestare soccorso. Non ricevendo adeguato sostegno, si avvale dell’aiuto di un investigatore privato, con il quale individua i possibili detentori di una macchina simile a quella responsabile della tragedia. Armata di pistola, Diane è decisa a farsi giustizia da sola. Ma la frenesia della donna è costretta a rallentare quando si avvicina all’ipotetica assassina di suo figlio, Marlène (Nathalie Baye).


Un crescendo di suspance tiene lo spettatore sempre all’erta ma, al tempo stesso, lo confonde quando la trama di dedica al racconto del rapporto fra Diane e Marlene. Il piano della protagonista va a scomporsi mano a mano che il tempo passa, risultando sempre più difficile: Diane trova un’amica e un altro essere umano, in tutta la sua complessità. La regia traduce abilmente in immagini lo stato d’animo della protagonista: è dalla sua auto che molti eventi vengono vissuti ed è dai suoi specchietti che viene osservata e spiata la vita degli avversari. Il “viaggio” che Diane compie si rivela strumento di comprensione di se stessa e degli altri, e la vendetta diventa un motore importante verso l’accettazione dell’accaduto e la metabolizzazione del dolore. L’immagine è densa e pittorica; la colonna sonora elettronica, ideata dai musicisti Christian Garcia e Grégoire Hetzel (con cui il regista aveva già collaborato in Complices, suo primo lungometraggio) descrive perfettamente l’inquietudine.


Le due fantastiche attrici, Emmanuelle Devos e Nathalie Baye, fanno il resto. La Devos, a detta del regista, risultava perfetta per il personaggio: il suo sguardo inquietante lascia intuire il turbamento che si nasconde sotto la superficie; la calma apparente è disturbante e spaventa lo spettatore. Nathalie Baye ha collaborato in prima persona alla costruzione del personaggio di Marléne, rispondendo al non semplice compito di rendere sfaccettata una figura che rischiava fortemente di cadere nel cliché. Per mio figlio è l'adattamento di Moka, romanzo di Tatiana de Rosnay, traslato da Mermoud dall’universo parigino al confine franco-svizzero, a lui più familiare. I toni noir tuttavia sono gli stessi del libro, associati all’introspezione del suo cinema, con la collaborazione dello sceneggiatore Antonin Martin-Hilbert. Nonostante l'epilogo deludente, scoprire il colpevole si rivela soltanto il pretesto della vicenda; la scusa per dare ritmo alla narrazione e permettere alla protagonista di portare a compimento il suo percorso di riconciliazione con se stessa.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder