​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Free State of Jones

2016-11-30 11:00

Aurora Tamigio

Recensioni Film,

Free State of Jones

1862...

37991-.jpeg

1862. Stanco delle brutalità della Guerra civile americana, Newton Knight (Matthew McConaughey) diserta la guarnigione sudista. Raccoglie intorno a sé uomini e donne, bianchi e neri, e forma un piccolo esercito per fondare nella contea di Jones, in Mississippi, uno Stato Libero non soggetto alle discriminazioni razziali.


Sin dalla prima visione di Free State Of Jones assale lo spettatore più sensibile la netta sensazione di trovarsi di fronte a uno degli ultimi prodotti cinematografici della stagione "Obama" di Hollywood: film che, durante i due mandati del primo Presidente nero americano, si sono fatti veicolo di una "nuova" narrazione black. Gli eroi, lo schiavismo, il razzismo: tutti i generi si sono adeguati alla nuova tendenza; dal tarantiniano Django Unchained, al melodramma The Help fino al biopic The Butler. Mancava ancora il grande classico americano, ambientato - ovviamente - durante la Guerra Civile Americana. E se in qualche modo 12 anni schiavo è stato il film d'oro dell'epoca Obama, Free State Of Jones può essere inteso come uno degli ultimi fuochi.


Gary Ross scrive e dirige un film "di passaggio", volutamente diviso in due tempi, due personaggi e due piani di narrazione. Praticamente, dirige due film. Ciò che sembra non funzionare troppo è l'idea di assemblarli insieme. La prima parte è decisamente riuscita: l'impianto del racconto storico è solido, ma si concede qualche variazione sul tema classico della Guerra di Secessione; dall'eroismo tipico tocca corde intime in stile Ritorno a Cold Mountain e si concentra sul racconto di un conflitto combattuto tra due anime dello stesso paese. Ross, che già aveva avuto occasione in Hunger Games di mostrasi abile nel racconto d'azione, si conferma ottimo regista di combattimenti restando attaccato al fianco del suo divo McConaughey, come già a quello di Jennifer Lawrence. Free State Of Jones poteva essere un ottimo melò storico, se solo non avesse voluto esplicitare fino al didascalico il tema black.


E così Ross aggiunge alla sua storia un salto, straniante e mal ingegnato, agli anni '50 della segregazione dove un qualche discendente di Knight, dotato di percentuale di sangue afroamericano, è sotto processo per aver sposato una donna bianca. Cosa unisce Newton a suo nipote? Una retorica banale e un parallelismo elementare. Com'è possibile che a una prima parte del film così profonda ne segua una così debole, resta un mistero. Ed è un vero peccato, perchè la prima parte di Free State Of Jones, il racconto di amore e guerra tratto dalla storia vera di Knight, resta un gran bel film.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder