​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Snowden

2016-11-21 11:00

Riccardo Tanco

Recensioni Film,

Snowden

Oliver Stone riporta al cinema la storia di Edward Snowden

37871-.jpeg

Nel giugno del 2013 l'ex tecnico informatico e analista della CIA Edward Snowden (Joseph Gordon Levitt) rivela attraverso un'intervista alcune informazioni governative segrete, tra cui un sofisticato sistema di sorveglianza elettronica a opera della NSA per controllare le attività telefoniche e digitali di milioni di persone nel mondo.


Basato sui libri "The Snowden Files" di Luke Harding e "Time of the Octupus" di Anatoly Kucherena e presentato in anteprima al Toronto Film Festival, Snowden è il nuovo film da regista di Oliver Stone, quattro anni dopo il precedente Le Belve. Al centro della storia c'è la figura di Edward Snowden, il giovane analista della CIA che nel 2013 scoprì i sistemi di controllo informatico nella vita privata delle persone compiuti dal governo americano.


Snowden è già stato protagonista del documentario Premio Oscar nel 2015 Citizenfour, diretto da Laura Poitras, che raccontava i giorni e gli avvenimenti precedenti e successivi alle scottanti dichiarazioni. Il film di Oliver Stone è costruito come un lungo flashback che alterna passato e presente della vicenda, ricostruendo e ripercorrendo vita privata e carriera di Snowden, coprendo un arco di tempo che va dal 2004 al 2013. Da sempre affascinato da personaggi controversi della storia recente, soprattutto americana, Stone cerca nel suo Snowden (interpretato con discreta capacità di mimesi da Gordon Levitt) un ennesimo protagonista fuori dagli schemi, cercando di esplorarne complessità e psicologia, in bilico tra il geniale hacker e un paladino contemporaneo della libertà.


Opera che non vuole essere calligrafica né celebrativa, Snowden segue i territori di un thriller informatico nascosto da film biografico. E Stone, nelle vesti di regista e sceneggiatore in coppia con Kieran Fitzgerald, realizza un film che si pone l'obiettivo di parlare delle contraddizioni e del lato oscuro dell'America, usando il personaggio del protagonista per un nuovo discorso sulle storture statunitensi. Dal concetto della guerra al terrorismo e ai nuovi nemici invisibili e indefinibili del mondo contemporaneo, alla violazione della libertà informatica come un occhio unico e indagatore sulla vita di chiunque, fino alle sfumature etiche su privacy e sicurezza. Ambizioni alte che però il film di Stone appiattisce in un approccio poco lucido, che non rivela chissà quanto e non apre più che spiragli sulle molte faccende che il film vorrebbe introdurre. Così Snowden si mostra un convenzionale biopic, perdendosi in una strada didascalica da cinema di denuncia che celebra l'importanza dell'accusa al potere.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder