​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

La ragazza senza nome

2016-11-08 11:00

Eleonora Piazza

Recensioni Film,

La ragazza senza nome

L’ultima intuizione dei fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne

37701-.jpeg

Presentato a Cannes 2016, La ragazza senza nome è l’ultima intuizione dei fratelli Jean-Pierre Dardenne e Luc Dardenne dopo l’ultimo successo di Due giorni, una notte. Questa volta gli autori francesi dirigono un thriller, immerso nella tensione. Jenny (Adèle Haenel), un giovane medico belga, intraprende un lungo e terrificante percorso alla ricerca di una ragazza il cui cadavere è stato ritrovato non lontano dalla sua casa. Quella stessa notte la giovane donna aveva suonato freneticamente al portone di Jenny che, però, non l’aveva lasciata salire.


Il senso di colpa per l'omissione di soccorso rendono la glaciale protagonista una figura insonne e fantasmatica che, improvvisandosi detective, decide di combattere il silenzio di tutti coloro che gravitano attorno all’omicidio. Sentendosi in gran parte responsabile dell’accaduto, il suo scopo non è soltanto quello di rintracciare i colpevoli ma quello di scoprire il nome della ragazza a cui poter dare una degna sepoltura. C’è una poesia sottesa alla storia dei Dardenne. Il grigiore della periferia e dai suoni della strada si contrappongono a un clima di ansia costante, in cui sono inseriti i personaggi: lo squillo del telefono e il suono del campanello di casa, che si ripete dall’inizio alla fine del film, contribuiscono alla tensione.


A livello drammaturgico, però, La ragazza senza nome è un noir che subisce interruzioni e rallentamenti, causati probabilmente dall’assenza di un “arco” vero e proprio della protagonista. Jenny, infatti, è una donna apparentemente molto fredda, anche nei confronti dei suoi pazienti; sempre uguale a se stessa, con monotonia, svolge le sue “analisi” poliziesche nella stessa maniera in cui visita in ospedale. Non cambia, non si evolve mai e una patina polverosa avvolge il personaggio. Persino quell’abbraccio finale, che si propone come liberatorio, non lo è abbastanza. Nonostante i difetti, tuttavia, la nuova opera dei Dardenne costituisce una nuova conferma da parte dei fratelli registi: è possibile conciliare la realistica denuncia sociale con il cinema e la poesia.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder