facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

​CONTATTI

MENU

NEWS

​CONTATTI

MENU

NEWS

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

CONTENUTI IN EVIDENZA

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

Inferno

2016-10-13 10:00

Samantha Ruboni

Film, thriller, dan brown,

Inferno

Tom Hanks torna nei panni del professor Robert Langton in una nuova storia di Dan Brown.

37321-.jpeg

Sette anni dopo Angeli e Demoni (2009), Tom Hanks torna nei panni del professor Robert Langton, studioso di simboli dell'Università di Cambridge, protagonista dei più celebri romanzi di Dan Brown. L'ultimo capitolo della trilogia mostra un prof. Langton in un ospedale fiorentino, visivamente provato. Ha strane visioni di una città in fiamme, dove le persone hanno pustole e ferite e il tutto è attraversato da un fiume di sangue. Sono i gironi dell'inferno di Dante. Un carabiniere cerca di rapire il professore, ma la dottoressa Sienna Brooks (Felicity Jones) lo aiuterà a scappare dall'ospedale. Langton non ricorda niente dei giorni precedenti né da cosa sta scappando. Ma un pericolo chiamato Inferno minaccia l'umanità e il professore, con le sue conoscenze, dovrà salvarla.


Inferno risulta da principio l'episodio più criptico della saga di Brown. La trama non è lineare come nei precedenti, ma è generata dai flashback del professore che cerca di ricordare l'accaduto di quarantotto ore prima dai propri sogni. Le sequenze dedicate alle visioni dantesche sono quelle più suggestive, sia per contenuti che per resa. Ma se l'inizio è interessante, non si può dire lo stesso del resto del film. La trama, nonostante si stia parlando di un action-thriller, va via via peggiorando. La storia diventa noiosa e banale, le sequenze d'azione flosce e senza adrenalina. Un continuo inseguimento dei due protagonisti per tutta Italia, senza una vera apertura; il colpo di scena, come nei precedenti capitoli, c'è ma riesce, se possibile, a renderci le idee ancora più confuse. Alcune parti vengono messe in gioco sullo schermo ma mai sviluppate, lasciando quindi dei vuoti non giustificati. Fortunatamente sul finale Inferno riprende ritmo e di azione, recuperando lo spettatore ormai perduto tra intrecci incompiuti e noia. L'epilogo mieloso, inverosimile e non necessario apre un ulteriore spunto non necessario.


Il regista Ron Howard torna a cimentarsi con un bestseller di Brown. All'inizio Inferno sembrerebbe essere qualcosa di nuovo e interessante, sia da parte della regia che della trama. Ma, nonostante il premio Oscar protagonista, queste convinzioni cadono già quindici minuti dopo l'inizio del film. E così anche la regia non è di quelle da segnalare, con inquadrature didattiche e scene d'azione nemmeno tanto sentite. La sceneggiatura segue il romanzo senza grandi cambiamenti. Per lo più ambientato in Italia, a differenza delle precedenti produzioni, nel cast si segnala un piccolo cameo di Fortunato Cerlino, il don Pietro Savastano di Gomorra, nei panni del capo del personale degli Uffizi. Nel complesso, un prodotto mediocre che si unisce ai capitoli precedenti e che, forse, solo i fan di vecchia data della saga apprezzeranno.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder