​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

I magnifici 7

2016-09-23 10:00

Federica Cremonini

Recensioni Film,

I magnifici 7

Rose Creek, piccolissima città situata sul confine fra Messico e Stati Uniti, si ritrova sotto il comando dello spietato Bartholomew Bogue: per avere indietro l

37071-.jpeg

Rose Creek, piccolissima città situata sul confine fra Messico e Stati Uniti, si ritrova sotto il comando dello spietato Bartholomew Bogue: per avere indietro la propria libertà e ricevere vendetta, i cittadini assolvono sette fuorilegge (fra cui un cacciatore di taglie, un sicario, un giocatore d’azzardo e persino un guerriero Comanche) per organizzare l’imminente battaglia.


Presentato in anteprima mondiale al Toronto Internation Film Festival e fuori concorso al 73esimo Festival del Cinema di Venezia, I Magnifici Sette prende finalmente vita dopo quattro anni dalla diffusione della notizia riguardante un remake dell’omonimo film diretto da John Sturges nel 1960, a sua volta riadattamento in salsa western de (e omaggio a) I sette samurai, celebre capolavoro di Akira Kurosawa. Per modernizzare l’opera di Sturges, senza dubbio già originariamente impeccabile, si affida il progetto a Nic Pizzolatto (autore della sceneggiatura di True Detective), che ne cura lo script, e ad Antoine Fuqua, regista interessato al genere action nelle sue mille forme tanto da mostrarsi malleabile e ben disposto ad arricchire la sua – già variegata – filmografia di un nuovo tassello: da Bait-L’esca a King Arthur, da Shooter ad Attacco al Potere, da The Equalizer a Southpaw il mosaico è assai policromo, sebbene sia difficile individuare una precisa cifra stilistica riconducibile al regista. A questo duo, già perfetto per conquistare il botteghino, si aggiunge un cast stellare pensato per assicurarsi un successo planetario: si contano il nome di un Denzel Washington (a vestire i panni che furono di Yul Brynner) ma che si rivela assai meno carismatico e riproposizione decisamente debole dell’icona anni ’60. Ad accompagnarlo, un Chris Pratt ormai scivolato definitivamente in un prototipo macchiettistico che riespone in continuazione il ruolo di spaccone nato con I Guardiani della Galassia e proseguito con Jurassic World, altra operazione-“simil-remake” nostalgico. A completare il cast, compaiono i nomi di Peter Sarsgaard come rivale-antagonista, cui però non si è conferito un ritratto degno di nota o quantomeno approfondito adeguatamente, e Ethan Hawke, che offre una prova attoriale sufficiente per sé ma non a risollevare le sorti critiche di un livello piuttosto basso e di un nucleo mal assortito, riflesso opaco ed eco ormai flebile dell’affiatato gruppo di uomini di cui Sturges, senza fatica, tratteggiava rapporti interpersonali senza mai lasciarli abbozzati e dipingeva, tramite la delineazione psicologica dei protagonisti, l’energico e pervadente spirito di giustizia e onore che rese tanto amata la pellicola.


In un periodo storico in cui il cinema ha visto riemergere un genere dato per sepolto, grazie a film che ne esplorano le tante gradazioni - quelle orrorifiche di Bone Tomahawke o di Slow West, o ancora quelle gelide di The Hateful Eight (che cronologicamente segue addirittura un altro western nella filmografia dello stesso Tarantino, vale a dire Django Unchained) – riproporre un remake scanzonato di un cult western che rimane impresso nell’immaginario collettivo per la sua epicità (sottolineata dal tema musicale firmato da Elmer Bernstein, qui furbamente sfoderato solo nei titoli di coda) resta una mirata operazione economica, sì efficace ma poco congruente con l’intrattenimento penetrante e appassionante di John Sturges.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder