​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

La comune

2016-03-24 11:00

Riccardo Tanco

Recensioni Film,

La comune

Danimarca, anni' 70...

35061-.jpeg

Danimarca, anni' 70. Un gruppo di amici composto da Erik (Ulrich Thomsen), dalla moglie Anna (Trine Dyrholm), dalla figlia Freja (Martha Sofie Hansen), da Ole (Lars Ranthe), Mona (Julie Agnete Vang), Allon e dai coniugi Ditte (Anne Gry Henningsen) e Steffen (Magnus Millang) decide di condividere la grande casa di proprietà di Erik, vivendo in una comune. L'esperimento pare inizialmente funzionare, ma quando Erik si innamora della studentessa Emma (Helene Reingaard Neumann), la convivenza con la moglie e gli amici entra in crisi.


Presentato in concorso al 66° Festival del Cinema di Berlino, La comune è l'ottavo film del regista danese Thomas Vinterberg, che torna a girare in patria dopo l'esperienza internazionale del precedente Via dalla pazza folla. La comune esplora la vicenda di sette amici che decidono di vivere insieme in una grande villa, provando l'esperienza dell'esistenza condivisa. Con una prima parte che osa un'inedita spensieratezza di racconto da parte di Vinterberg, il film pare puntare l'obiettivo sulla difficoltà del vivere insieme; su cosa voglia dire dividere il proprio spazio intimo con qualcun altro e la conseguente fiducia riposta negli altri abitanti. Tuttavia La comune sembra più un film che non abbia chiaro fino in fondo dove andare, sebbene regali qualche momenti d'interesse.


Paradossalmente, proprio quando il film esce dalle proprie sabbie mobili e narrative - cioè quando il protagonista Erik si infatua della giovane Emma e la invita a casa con gli altri - Vinterberg ricade nelle proprie tematiche e rende La comune l'ennesimo apologo sulla maschera perbenista di certa borghesia, di quelli che predicano bene ma razzolano male. Il regista smonta pezzo per pezzo l'idillio di un'esistenza perfetta e libertaria e la fa scontrare con la realtà. Fa vincere l'ipocrisia di fronte a chi si premura di essere di mente aperta e cova dentro le falsità. Tutto questo è incorniciato dai soliti difetti del cinema dell'autore danese, che tra il furbo e il falso cinismo imbastisce una pellicola a cui semplicemente manca un modo più raffinato con cui guardare alle cose che racconta. Un film che appaia allo spettatore non meno che programmatico in tutte le sue svolte.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder