​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Amy - The Girl Behind the Name

2015-09-14 10:00

Aurora Tamigio

Recensioni Film,

Amy - The Girl Behind the Name

Asif Kapadia racconta Amy Winehouse, a suo modo

32641-.jpeg

Le ragazze dietro il nome di Amy Winehouse sono almeno due. Quella giovane e spensierata, dalle guance morbide e dal timbro potente, e quella che a 27 anni è scomparsa, proseguendo la tradizione di molti; magra e scarmigliata, con una voce che si attaccava alla pelle come una nebbia. Quando è successo che una star della musica, forse l'ultima a innovare il jazz dall'interno, ha iniziato a diventare un'artista maledetta? Asif Kapadia ripercorre la carriera della cantante inglese, provando a risolverne il personaggio in un documentario di pochissima grazia. L'ennesimo ritaglio dall'immagine stropicciata di Amy. Che dal cinema merita di più.


A ben guardare, Amy Winehouse è sempre stata più Billie che Ella. E anche prima che Tony Bennet le desse l'occasione di esibirsi in Body and Soul, pezzo celebre nell'interpretazione di Billie Holiday, sembrava che la sua voce e quella della Lady di Baltimora fossero legate da un timbro inconfondibile, anche se non per tutti gradevole, che conficca la musica nell'anima di chi ascolta. Ma se Billie Holiday aveva dalla sua il fisique du role, non si è mai smesso di domandarsi da dove arrivasse la voce di Amy Winehouse, tutta ossa e capelli. Asif Kapadia (già regista nel 2010 di un documentario sul pilota Ayrton Senna) si interessa all'artista Amy solo superficialmente, occupandosi per lo più delle sue crisi e del triste epilogo. Il film parte dagli esordi, da una bambina londinese alle sue prime esperienze musicali. Racconta la nascita di una musicista proponendo un impianto narrativo cronologico, da biopic: dagli esordi sui palchi ai dischi venduti, dalle droghe agli approfittatori (compresi padre e amanti) fino alle crisi e alla caduta. In questo racconto piuttosto convenzionale, che con lo stile di Amy Winehouse ha pochissimo in comune, quasi sconcerta l'intimità dei materiali utilizzati: privati, sconvenienti, provenienti da un archivio che forse conveniva tenere riservato. La storia di questo film non somiglia neanche a quella del recente Cobain: Montage of Heck: non è un omaggio familiare al mito, né un regalo ai fan. Amy - The Girl Behind The Name pompa il personaggio di Amy Winehouse e stona sia con la sua personalità che con la sua arte. Unici momenti emozionanti sono quelli in cui si parla davvero di musica: come le bella interviste a Tony Bennet, forse colui che ha più colto fra “gli anziani” la rivoluzione di Amy. Quella di Kapadia è un'opera riabilitativa che non appartiene ai fan, non ancora pronti a questo assalto celebrativo, e che sicuramente non appartiene a Amy Winehouse. Non a lei che i rehab li aveva sempre rifiutati.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder