​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Survivor

2015-09-08 10:00

Maurizio Encari

Recensioni Film,

Survivor

Le vie dell'action thriller hanno smesso da molto tempo di essere infinite...

32541-.jpeg

Le vie dell'action thriller hanno smesso da molto tempo di essere infinite. Sono infatti rari i prodotti davvero di livello in un filone che, dopo centinaia e centinaia di titoli, fatica a trovare una certa originalità narrativa. Non fa eccezione l'ultimo film del regista wachoskiano James McTeigue (V per Vendetta, Ninja Assassin) che guarda a un grande classico come I tre giorni del condor di Sydney Pollack. In quest'occasione, come ormai è spesso consono al cinema di genere, la protagonista è femminile e ha il fascino della bella Milla Jovovich, in pausa momentaneamente dalla saga di Resident Evil; per vestire i panni del villain invece la scelta è ricaduta su Pierce Brosnan che negli ultimi anni ha cercato di ritagliarsi ruoli sempre diversi a segnare il distacco con la sua iconica interpretazione di James Bond.


Kate Abbott, impiegata del Dipartimento di Stato statunitense dalle ottime referenze e con un trauma nel passato collegato all'attentato delle Torri Gemelle, viene assegnata all'ambasciata americana di Londra per sventare possibili attacchi terroristici. La ragazza è però ignara che tra i suoi collaboratori vi sia un traditore che collabora, sotto ricatto, proprio con un gruppo di terroristi. Quando gli altri suoi colleghi perdono la vita nell'esplosione di un ristorante, Kate viene ritenuta a torto la maggiore sospettata e l'unico a credere alla sua innocenza è il superiore Sam Parker. La donna ora è in fuga sia dai servizi segreti inglesi che da un implacabile serial killer al saldo dell'organizzazione che intanto sta preparando nuovi e devastanti attentati.


McTeigue aveva illuso buona parte della critica e del pubblico con la convincente trasposizione della graphic novel di Alan Moore che, seppur non eccellendo, era riuscita comunque a imporsi come cult moderno. Il prosieguo della carriera ha però restituito il regista all'attuale medietà stilistica che caratterizza anche Survivor. Un film girato sì discretamente, con una buona attenzione al dosaggio del mix action - thriller, ma che si rivela alla fine dei conti una produzione come tante altre, incapace di emergere nella massa. Buona parte di questa, comunque piacevole, impressione d'anonimato è sicuramente da imputare alla sceneggiatura di Philip Shelby, rimasta in naftalina per quasi un decennio: alcuni passaggi forzati e parzialmente illogici e certi risvolti prevedibili (epilogo incluso) fanno correre il treno narrativo su binari fin troppo collaudati. I momenti tensivi non mancano, su tutti il forsennato inseguimento in metropolitana. Ma il sapore di già visto non avvince il palato cinefilo esperto. Complice una Jovovich non del tutto a suo agio in un personaggio caratterizzato poco e male; a convincere di più, ma senza grandi guizzi, è lo spietato killer di un sornione Brosnan che gigioneggia divertito.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder