​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Se mi lasci ti cancello

2015-04-20 10:00

Martina Calcabrini

Recensioni Film,

Se mi lasci ti cancello

Dopo aver realizzato cortometraggi poliedrici e aver curato alcuni video musicali dei Chemical Brothers, il francese Michel Gondry dirige Se mi lasci ti cancell

31291-.jpeg

Dopo aver realizzato cortometraggi poliedrici e aver curato alcuni video musicali dei Chemical Brothers, il francese Michel Gondry dirige Se mi lasci ti cancello, una pellicola profonda e intensa che si presenta come una pagina di diario piena di emozioni e passioni, sovrastate da tristezza e malinconia.


In un giorno qualsiasi, Joel (Jim Carrey) e Clementine (Kate Winslet) si incontrano casualmente e iniziano a parlare. Bevono un drink, si scambiano i numeri di telefono e cominciano a uscire insieme. La loro relazione diviene subito un'intensa storia d'amore che sconvolge le loro vite e le rende appaganti e complete. La passione travolgente, però, li porta presto a violenti scontri fisici e verbali che sfociano in lacrime amare e relativa destabilizzazione dell’equilibrio di coppia raggiunto. Clementine decide, quindi, di porre fine alla storia e si rivolge a un'innovativa società scientifica capace di cancellare completamente dalla memoria umana una persona. Joel lo scopre e, per vendetta, decide di fare lo stesso, ma non tutto va come previsto.


Seppur appagato dalla sua vita tranquilla, ordinaria e monotona, Joel si innamora perdutamente di Clementine, una ragazza eccentrica e stravagante che gli permette di scoprire l’ebrezza del divertimento e della passionalità. Un brusco risveglio mattutino gli mostra, però, la casa deserta e buia e lo porta a capire che, senza di lei, la sua esistenza è divenuta vuota, apatica e inutile. Numerosi flashback narrativi mostrano la trasformazione radicale di dolci carezze, teneri baci e abbracci appassionati in repulsioni crudeli, sguardi di odio e insulti gratuiti. I colori sgargianti che connotavano gli albori della loro relazione si ingrigiscono drasticamente fotogramma dopo fotogramma, lasciando emergere un blu freddo e scostante che vela di malinconia l’intera vicenda. La fotografia da cartolina, piena di panoramiche che riprendevano ciliegi in fiore e laghi ghiacciati, lascia inesorabilmente il posto a una claustrofobica ripresa di interni polverosi e disordinati. La sincronia tra immagini e suoni diviene frammentaria e altalenante; i ricordi si rivelano grotteschi e deformati, pieni di litigi caricaturali ed esagerati. Utilizzando riprese sfuocate e decentrate che deviano l’attenzione dello spettatore dal punto centrale della storia, il regista - avvalendosi della sceneggiatura di Charlie Kaufman (Essere John Malkovich) - crea una sorta di spietata analisi critica di una parabola amorosa, volta a svelare le debolezze umane. Forte di un'aura profondamente elegiaca, Se mi lasci ti cancello si rivela una tela bianca su cui Gondry riversa un'intera tavolozza di colori che nascondono l’amarezza della fine di una grande storia d'amore.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder