​CONTATTI


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
Sisbianco
Sisnero

CONTATTI

Piano9logobianco
Piano9logobianco

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

Via Carlo Boncompagni 30
20139 Milano (MI)
+39 340 5337404
ufficiostampa@silenzioinsala.com

 

SILENZIOINSALA.COM – Più che spettatori
un progetto di Piano9 Produzioni

CONTENUTI IN EVIDENZA

Bekas – In viaggio per la felicità

2015-04-08 10:00

Erika Pomella

Recensioni Film,

Bekas – In viaggio per la felicità

Zana (Zamand Taha) ha sette anni, suo fratello Dana (Sarwal Zahil) solo dieci...

31161-.jpeg

Zana (Zamand Taha) ha sette anni, suo fratello Dana (Sarwal Zahil) solo dieci. Vivono avvolti dalla polvere del Kurdistan iracheno, su cui troneggia ancora l'ombra minacciosa di Saddam Hussein. La guerra li ha privati di tutto - compresi i genitori - e per sopravvivere i due bambini non possono far affidamento che su se stessi. Nonostante passino gran parte del loro tempo litigando, Zana e Dana sono legatissimi e pronti ad affrontare qualsiasi sfida insieme. Non ultima quella di lasciare il Kurdistan per raggiungere l'America, dopo che la visione di un film di Superman ha aperto nella loro mente la speranza di un futuro (e di un mondo) migliore. Comincia così per i due un viaggio on the road avventuroso e comico, in cui persino l'amore tenta di fare capolino.


Bekas, opera prima del regista curdo Karzan Kader, ha nel titolo la parola che nella lingua nativa sta a indicare la solitudine. Una parola, insomma, che ben si sposa con l'esistenza dei due protagonisti: due bambini senza famiglia e, in parte, senza più neanche una casa. L'uno nell'altro cercano l'ancora che li tenga a terra, che li faccia sentire ancora parte di un disegno più grande. Soprattutto, però, Zana e Dana sono due sognatori, paladini dell'utopia, che cercano nell'illusione dell'America una possibilità per risolvere i loro problemi. Bekas diventa così il viaggio fuori dagli schemi, surreale e dolce al tempo stesso, di due bambini che affrontano una situazione al limite dell'inumano con la fantasia tipica dell'infanzia.


Bekas è un esordio non del tutto privo di difetti. Da una parte c'è una componente di deja vu che sembra strizzare l'occhio alla prima parte di The Millionaire; dall'altra una sorta di dilatazione del racconto, non sempre funzionale alla diegesi. Detto questo, però, la regia di Kader è profondamente onesta, sposata a colori ocra che riescono senza sforzo a rimandare l'immagine di una terra quasi desertica, spazzata via. Allo stesso tempo la fotografia smorza elegantemente gli spigoli legati alla realtà, lasciando allo spettatore la sensazione di essersi perso in una favola dolce e soave.


www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961

www.silenzioinsala.com @ All Right Reserved 2020 | Sito web realizzato da Flazio Experience  | P.IVA 10731440961


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram

facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
zhifei-zhou-XO4A1pWBEbE-unsplash

Supporta Silenzio in Sala

Quickly engage integrated total linkage whereas backward-compatible methodologies.

Efficiently synergize state of the art interfaces vis-a-vis value-added services. 

Create Website | Free and Easy Website Builder